QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Attualità martedì 05 novembre 2019 ore 19:35

Pronto il progetto di restyling di piazza Dante

Il sindaco Ferrari e l'assessore Gelichi hanno presentato il progetto che ridà vita, decoro e sicurezza a piazza Dante. Ecco come sarà



PIOMBINO — Pronto il progetto preliminare per il restyling di piazza Dante: 850mila euro di fondi comunali già stanziati per ripristinare il decoro e la sicurezza in una delle piazze più importanti della città.

“Piazza Dante – ha dichiarato il sindaco Francesco Ferrari – da tempo necessita di un intervento: purtroppo la poca illuminazione e le condizioni in cui versa la piazza creano l’habitat perfetto per il proliferare di episodi di microcriminalità. Inoltre, lo stato di abbandono dell’area non è certamente un bel biglietto da visita per la città. Piombino merita di essere bella, sicura e vivibile: per questo ci siamo messi al lavoro fin da subito per ottimizzare il progetto e renderlo effettivo nel più breve tempo possibile. Ripristinare la sicurezza e il decoro è sicuramente uno dei cardini della visione che abbiamo per Piombino: iniziamo da piazza Dante”. 

Il progetto esecutivo sarà pronto entro fine 2019 mentre si prevede che i lavori saranno conclusi entro la fine del 2020. 

“Non abbiamo voluto stravolgere l’immagine della piazza – ha spiegato Riccardo Gelichi, assessore ai Lavori pubblici – ma, anzi, riportarla a come i piombinesi la ricordano, ammodernandola nelle tecnologie e nei materiali. È un progetto all’avanguardia che, sostanzialmente, mette ordine nella visione di uno spazio che, negli anni, ha perso la sua coerenza. Inoltre, abbiamo voluto potenziare gli strumenti di controllo e prevenzione così che piazza Dante smetta di essere il luogo deputato al bivacco, al vandalismo e alla microcriminalità e ritorni a essere un luogo di aggregazione: una piazza di cui i piombinesi possano andare fieri”. 

Il progetto di riqualificazione manterrà l’impianto originario della piazza e, anzi, ne migliorerà la simmetria e l’immagine complessiva. Sarà ripensata la pavimentazione con nuovi materiali, con percorsi in ghiaia stabilizzata e elementi in pietra Santafiora, sarà potenziata l’illuminazione sostituendo il vecchio impianto con uno nuovo a led e in stile coerente, oltre all’illuminazione decorativa incassata nella pavimentazione; saranno installate ulteriori quattro telecamere che andranno a sommarsi alle quattro che già vigilano sulla piazza e saranno sostituite le panchine. 

L’attuale sede stradale in asfalto di fronte la scuola sarà eliminata appianandola con il resto della piazza, eliminando così l'attuale dislivello. I rifugi bellici, in accordo con la Soprintendenza, saranno chiusi per essere eventualmente recuperati in un secondo momento, ma in superficie in loro corrispondenza saranno create delle aree in pietra Santafiora e istallati dei pannelli esplicativi. Da valutare in un secondo momento l'inserimento di giochi per bambini.

La vegetazione sarà ottimizzata per ricostruire le originarie simmetrie della piazza: saranno eliminati gli arbusti, in quanto ostacolano la percezione visiva e creano problemi per la pulizia e la manutenzione, mentre gli alberi sani saranno mantenuti, previa verifica di stabilità. Alcune piante, come le palme colpite dal punteruolo rosso, saranno sostituite con dei platani o con una particolare varietà di palma particolarmente resistente agli attacchi del parassita.

Soddisfatti sindaco e assessore: "Siamo fieri di presentare questo progetto perché riqualifichiamo una piazza e una parte importante della città. - hanno concordato - Piazza Dante è una piazza storica e importante, noi abbiamo ritenuto di valorizzarla con opere di restyling per ridare vita, decoro e sicurezza a una zona della città".



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità