Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PIOMBINO18°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 17 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zelensky collegato a sorpresa alla cerimonia di apertura del Festival Cannes

Politica mercoledì 07 novembre 2018 ore 10:55

Rifiuti e quel mancato incasso per la trasferenza

A segnalare il cortocircuito sono i 5 Stelle che si domandano come verrà risolta la controversia tra Rimateria e Sei Toscana. "A pagare? I cittadini"



PIOMBINO — Chi pagherà nella vertenza tra Rimateria e Sei Toscana? Se lo è domandato il Movimento 5 Stelle che in una nota ha ricostruito il cortocircuito che si è venuto a creare sulla questione rifiuti e trasferenza tra le due parti. 

"Ato Toscana Sud, ovvero l'Ente Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani che raccoglie i Comuni delle provincie di Arezzo, Siena, Grosseto e 6 comuni della provincia di Livorno (Piombino, Campiglia, San Vincenzo, Castagneto, Suvereto, Sassetta) ha dato la concessione per tali operazioni alla società Sei Toscana che, in attesa di prelevare e trattare i rifiuti solidi urbani (Rsu) nei propri impianti (per quanto ci riguarda, quelli delle Strillaie), si è avvalsa di un sito di stoccaggio temporaneo presso Rimateria, dove scaricavano i piccoli mezzi usati per lo spazzamento e raccolta, per venire poi trasferiti per mezzo di camion. - hanno ricostruito i 5 Stelle - Quindi Sei Toscana ha sottoscritto con Rimateria un accordo nel quale vennero indicati in 23 euro/tonnellata i costi per espletare il servizio, appunto indicato come trasferenza. L’Ato, la cui assemblea è composta da tutti i sindaci dei comuni dell’ambito territoriale di riferimento, per l'anno 2017 ha valutato lo stesso servizio con un valore assai inferiore pari a 8 euro a tonnellata. Questa differente valutazione ha portato ad un mancato incasso per Rimateria della non trascurabile cifra di 800mila euro. Ora Rimateria si accinge a presentare un decreto ingiuntivo contro Sei Toscana per chiedere il pagamento di questi 800mila euro".

Questa situazione si è tradotta in un decreto ingiuntivo che come immaginano i 5 Stelle "può avere solo effetti nefasti per i cittadini".

"Se viene data ragione a Rimateria, - hanno spiegato - i costi verranno caricati in bolletta aumentando le tariffe. Se la ragione viene data a Sei Toscana, a soffrire sarà la società partecipata dai Comuni del nostro comprensorio. Senza contare le spese legali e processuali".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In pochi giorni raccolti quasi duemila euro grazie alla raccolta fondi avviati dagli amici del ragazzo dopo i traumi riportati nell'incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Attualità