Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO23°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Federica Pellegrini: «Senza Matteo avrei smesso qualche anno fa»

Politica martedì 15 giugno 2021 ore 17:10

"Ora un problema ambientale più grande di prima"

Monica Bartolini (Ascolta Piombino)

La consigliera Bartolini (Ascolta Piombino): "I timori da noi espressi, una delle cause della rottura con la maggioranza, si sono purtroppo avverati"



PIOMBINO — "Ci fa rabbia ma avevamo ragione noi", parole della consigliera di Ascolta Piombino Monica Bartolini nel sottolineare la preoccupazione delle conseguenze del fallimento di Rimateria dal punto di vista non solo occupazionale ma anche ambientale. 

"Apprendiamo dalla stampa che in base alla sentenza del Giudice, Rimateria è ufficialmente fallita, è stato nominato il curatore e non è prevista la continuità aziendale. Il curatore dovrà mettere i sigilli", ha evidenziato la consigliera Bartolini.

"Questo significa che i timori da noi espressi in passato, una delle cause della rottura con quest’amministrazione, si sono purtroppo avverati. - ha proseguito - Oggi abbiamo un problema ambientale più grande di quando si conferivano rifiuti speciali da fuori; rimane una discarica aperta, non si sa ancora chi e quando dovrà e potrà controllarla, si sono interrotte le prescrizioni di messa in sicurezza della discarica che stavano procedendo con Rimateria. Ci sono 41 posti di lavoro in bilico. Coloro che continuano a dire in giro che il problema discariche è superato mentono a se stessi come agli altri". 

"Rispetto a prima c’è una differenza enorme, non è più presente il controllore, cioè Rimateria, che ricordiamoci, aveva dentro di sé anche la componente pubblica proprio attraverso l’espressione del presidente. Rinunciare a governare un tema così importante per l’occupazione e per la salute dei cittadini è l’antitesi di un ambientalismo preparato. - ha aggiunto - Le sirene populiste hanno vinto, non si governa mettendo la testa dentro la sabbia ma assumendosi tutte le responsabilità anche quelle dolorose e poco appaganti sotto il profilo dei consensi; magari si doveva spiegare bene la situazione ai cittadini, proponendo loro soluzioni praticabili e non facili slogan. Perde la Regione Toscana perché non ha voluto vedere, perde questa maggioranza perché aveva in mano un accordo e si è piegato ai desiderata di uno sparuto gruppo di cittadini. Perde la politica, un Pd che ha gestito le discariche in modo scriteriato e non l’ha ancora ammesso, perde il centrodestra che ha rifiutato un dialogo con l’azienda piegandosi alle volontà del sindaco, ma soprattutto perde Piombino che ha ancora tutti i suoi problemi ancora bene in fila, molto peggio del primo giorno di questa nuova consiliatura".  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 17 le persone in isolamento nelle proprie abitazioni, mentre una donna di 98 anni è ricoverata in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO

Attualità

Attualità