Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:PIOMBINO24°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Donna premier e di destra, la «missione impossibile» di Meloni: i due messaggi forti e il rischio passi falsi

Politica mercoledì 30 marzo 2022 ore 11:00

Sanità, “serve confronto serio con Regione e Asl”

Pd e Anna per Piombino spiegano il perché non hanno votato a favore degli ordini del giorno a tema sanità. Attacco all’assessore Bezzini



PIOMBINO — Il tema sanità è stato al centro dell’ultimo Consiglio comunale a Piombino con due diversi documenti, due ordini del giorno presentati da Rifondazione Comunista e dai gruppi di maggioranza.

“Noi riteniamo che il tema della sanità nelle aree periferiche, rappresenti una sfida importante per rispondere al bisogno di salute dei cittadini che abitano questi territori: garantire l’equità di accesso attraverso l’erogazione di servizi appropriati e sicuri, è uno dei principali obiettivi che il Partito Democratico si pone. - hanno commentato i gruppi Pd e Anna per Piombino - Per questo la mancanza di attenzione da parte della Regione e dell’Asl e l'arretramento sui servizi essenziali non è più tollerabile. È tempo di dare risposte concrete ai cittadini, di trovare soluzioni ai problemi di dotazione di personale e tecnologie segnalati un po' da tutti i reparti ospedalieri e di dare seguito agli impegni e agli investimenti già programmati dalla Regione, come il Pronto Soccorso di Piombino e la Casa di Comunità, di cui ad oggi non si vede traccia”.

Pd e Anna per Piombino in Consiglio non hanno votato a favore dell’ordine del giorno della maggioranza e hanno spiegato perché.

“L’ordine del giorno dei gruppi di maggioranza sarebbe stato del tutto condivisibile, se non fosse stato per l'intervento scomposto dell'assessore Carla Bezzini. - hanno spiegato - Le sue affermazioni hanno evidenziato, ancora una volta, come da parte di questa amministrazione, sul tema della sanità, sia costantemente mantenuto un atteggiamento di mera rivendicazione. Manca totalmente, invece, la volontà (e forse la capacità) di collaborazione attiva con le altre istituzioni preposte al governo della sanità. A noi sembra che l'unico scopo di questo atteggiamento sia di ricondurre la colpa dei problemi sempre fuori dai confini cittadini, scaricandola quando sulla Regione e quando sul Governo, senza assumersi mai la propria parte di responsabilità. La realtà invece è che, al netto dell'inerzia della Regione Toscana nel mettere attenzione sui problemi della sanità locale, un'amministrazione non può pensare di comportarsi come se fosse una forza di opposizione: i banchetti e la raccolta di firme non possono essere gli unici strumenti da mettere in campo. Se fosse vero quanto afferma l'assessore alla sanità piombinese e cioè che il governo della sanità è di esclusiva competenza della Regione, sarebbe difficile capire la necessità della sua stessa figura. Allo stesso modo l'assessore Bezzini ha sostanzialmente dichiarato di ritenere privo di qualsiasi contenuto il proprio ruolo di vicepresidente della Società della Salute. Forse l'assessore non ha ben chiare le competenze della Società della Salute, che dovrebbe essere il luogo dove avviene la programmazione sociosanitaria del nostro territorio, e dove si dovrebbero mettere in campo proposte e indirizzi. Cosa che evidentemente l'assessore Bezzini non fa”.

“Quanto all'ordine del giorno di Rifondazione, lo riteniamo superato dai tempi e dalle logiche politiche. - hanno proseguito - Con la pandemia la sanità si è trovata di fronte a bisogni sanitari del tutto nuovi. In futuro il servizio sanitario pubblico non potrà prescindere dal rafforzare la medicina del territorio alla quale sono state dedicate molte delle risorse del Pnrr. In questa visione si stanno muovendo tutte le regioni per ridisegnare la sanità su modelli incentrati sul territorio come ambito di prima presa in carico delle patologie, mentre l'ambito ospedaliero sarà sempre più riservato al trattamento delle fasi acute delle malattie e all'alta specializzazione. In questo senso l'ordine del giorno del presidente Callaioli ci è apparso superato, perchè non è più pensabile oggi poter parlare di ospedale senza una forte sinergia con il territorio. L'ordine del giorno chiedeva, inoltre, l'abolizione dell'ospedale unico delle Valli Etrusche come soluzione ottimale per rimediare alle gravi carenze dell'ospedale di Piombino. Quello che Rifondazione comunista si scorda di dire ai cittadini è che, con l'abolizione dell'ospedale unico, Villamarina tornerebbe ad essere un mero ospedale di base, senza le specialistiche, per le quali l'ospedale di riferimento diventerebbe quello di Livorno, con ulteriori disagi per i cittadini”.

A fronte di queste spiegazioni, il Pd si dice disponibile ad un comune impegno per il rilancio della sanità e ad aprire un confronto serrato con la Regione per chiedere il rispetto degli impegni presi, “purché - hanno concluso - si parta da una riflessione seria su un nuovo modello di sanità e su ciò che serve ai cittadini, mettendo da parte logiche di parte e atteggiamenti strumentali che non servono a nessuno”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli attivisti del Gazebo 8 giugno hanno organizzato l’iniziativa dal bagno Ponte d’oro in Costa Est
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

RIGASSIFICATORE

Attualità

Attualità