QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 luglio 2019

Lavoro giovedì 10 maggio 2018 ore 12:12

Unicoop Tirreno chiude le porte a Maremma Servizi

Sindacati e lavoratori davanti la sede di Vignale Riotorto

Giovedì mattina il presidio dei lavoratori davanti alla sede di Vignale Riotorto in attesa di un confronto che non è stentato ad arrivare



PIOMBINO — Una cinquantina di persone, tra lavoratori e sindacati, nella mattinata si è radunata dinanzi alla sede di Vignale Riotorto per rivendicare i diritti di Maremma Servizi, società cooperativa che lavora per Unicoop Tirreno nella gestione del servizio in appalto di archiviazione e digitalizzazione dei dati.

Per i lavoratori di Maremma Servizi, che hanno lavorato per 13 anni per Unicoop Tirreno, si prospetta il licenziamento, nella previsione l'azienda reinternalizzi il lavoro. Lo scenario attualmente non prevede ammortizzatori sociali. "Non possiamo permettere che in una crisi aziendale come quella di Unicoop Tirreno, che coinvolge un territorio già fortemente provato, ci siano lavoratori di serie A e serie Z!", ha sottolineato Filcams Cgil. 

Una battaglia già aperta, quella d'indotto, tanto che a mostrare solidarietà e dare forza al presidio c'erano i rappresentanti di Ugl, Rsu Rimateria, Camping Cig e Usb, mentre dal fronte politico Daniele Pasquinelli dei 5 Stelle. 

Pieralba Fraddanni, segretaria generale della Filcams Livorno, ha chiesto di incontrare la direzione della cooperativa con una delegazione dei lavoratori di Maremma Servizi. "Rivendichiamo con forza il ruolo delle relazioni sindacali ed il confronto attivo, ma nonostante tutto la cooperativa continua inesorabilmente il proprio cammino dimenticandosi anche quei principi etici e sociali di base che l'hanno resa punto di riferimento di soci e consumatori", si legge nel volantino diffuso davanti alla sede di Vignale Riotorto. La richiesta la possibilità di inserire i 6 lavoratori di Maremma Servizi nella vertenza Coop. 

La situazione, anche in previsione di un incontro per venerdì tra direzione e sindaco di Piombino, non è finita nel migliore modi. 

Fraddanni e la delegazione di lavoratori in un primo momento non volevano essere ricevuti. "Non sono lavoratori Unicoop", hanno riferito. 

"Siamo rammaricati, è una maniera vigliacca di non voler affrontare il problema. - ha commentato aspramente la segretaria generale Filcams Cgil - E' un'offesa ai lavoratori, così facendo questa non è più una cooperativa". 

I lavoratori non hanno mollato, non li ha fermati nemmeno un acquazzone e il possibile intervento delle forze dell'ordine per sgomberare l'area. I lavoratori hanno resistito e continuato a chiedere di essere incontrati. Solo in tarda mattinata La Fraddanni e solo un rappresentante dei lavoratori sono potuti entrare ed incontrare il nuovo direttore del personale Unicoop Luigi Pozzessere

Il risultato? "Abbiamo consegnato il volantino, il direttore ha rimarcato che voleva parlare solo con il sindacato e non con i lavoratori. Ci è sembrato un contentino. - ha concluso Fraddanni - Noi cominceremo con il percorso legale, incontreremo un avvocato per capire i percorsi possibili. Abbiamo capito che qui c'è chiusura, non c'è dialogo".

Sviluppi potrebbero esserci domani, quando il sindaco Massimo Giuliani ha una riunione a Vignale proprio sulla questione. Sindacato e lavoratori saranno nuovamente lì fuori ad attendere risposte.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Politica