QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12° 
Domani 11°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 22 gennaio 2020

Politica giovedì 07 luglio 2016 ore 19:50

"Che si doveva diversificare lo sapevamo"

Riccardo Gelichi

Per Ascolta Piombino le varianti Aferpi sono un atto dovuto. E aggiunge: "Qualcuno inizia ad essere consapevole che un solo imprenditore non basta"



PIOMBINO — "L’avvio per il procedimento della variante urbanistica necessaria per l’attuazione del piano Aferpi è un atto dovuto, di certo non una rivoluzione copernicana".

Un progetto tiepido, secondo il consigliere Riccardo Gelichi della civica Ascolta Piombino, mentre ha visto di buon occhio l’annuncio del raddoppio di Città Futura, che di fatto restituisce un altro pezzo di aree industriali alla città. 

"Resta il fatto che sono ormai diversi anni che giacciono dodici milioni d’euro per la bonifica delle aree ex Siderco - ha aggiunto - e ancora attendiamo fatti più che notizie". 

Il recente commento della civica di maggioranza Spirito Libero (leggi l'articolo correlato), poi, lo sorprende positivamente proprio sul fattore varianti urbanistiche; argomento sul quale da tempo il consigliere sin dal tempo della campagna elettorale si era battuto. 

"Che mancavano le aree per gli investimenti e che si doveva diversificare lo sapevamo da sempre. - ha concluso - Insomma, i temi della nautica, della cantieristica e del turismo si fanno avanti, qualcuno inizia ad essere consapevole che un solo imprenditore non basta; paradigma che era e continua ad essere un rischio enorme per qualsiasi territorio". Ma Gelichi non perde tempo e chiede risposte anche per il nodo infrastrutturale.



Tag

Fraccaro: "Rilanciamo progetto M5s, orgogliosi nostro passato ora costruiamo nostro futuro"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità