Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:40 METEO:PIOMBINO23°37°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 22 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il concerto a sorpresa di Mahmood sulla spiaggia di Fregene
Il concerto a sorpresa di Mahmood sulla spiaggia di Fregene

Cronaca lunedì 08 luglio 2024 ore 19:45

Lavoro agricolo irregolare, 3 titolari denunciati

Proseguono i controlli da parte dei carabinieri per contrastare il fenomeno del caporalato nei e per verificare la sicurezza sul lavoro



PROVINCIA DI LIVORNO — Gli ispettori del comparto di specialità dell’Arma, con il supporto delle Stazioni territorialmente competenti e di ispettori civili dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, hanno condotto controlli per  il contrasto al caporalato in agricoltura nei Comuni di Castagneto Carducci e Campiglia Marittima, nell’ambito di una campagna di portata nazionale per la lotta al lavoro sommerso e la tutela dei lavoratori. 

Come spiegano i carabinieri in una nota, le ispezioni hanno riguardato 5 aziende agricole ed un totale di 25 lavoratori.

In 3 di queste aziende, oltre la metà, sono state rilevate irregolarità. Nel dettaglio tutti i rispettivi titolari di ditta, due italiani ed un nordafricano sono stati denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria di Livorno per violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro che impone l’obbligo di sorveglianza sanitaria per i lavoratori mediante visite mediche periodiche.

Uno di loro, la cui ditta opera a Venturina Terme, anche per la violazione dell’obbligo di predisporre una formazione sufficiente ed adeguata dei lavoratori in materia di rischi connessi alle mansioni svolte.

I carabinieri hanno anche rilevato che due lavoratori dipendenti della ditta facente capo all’extracomunitario, costituenti oltre il 10% della manodopera impiegata, erano di fatto “in nero”, cosa che ha fatto scattare per il titolare la sospensione dell’attività fino a che le irregolarità perdureranno, oltre ad una maxisanzione di 7.600 euro.

All’esito dei controlli per i titolari risultati non in regola, oltre alla denuncia, è scattata anche l’elevazione di ammende per un importo complessivo di circa 9.000 euro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno