Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:10 METEO:PIOMBINO16°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Politica martedì 10 novembre 2015 ore 17:03

Sanità, Parodi non condivide il progetto

Sul nuovo no del sindaco di Suvereto interviene il vicesegretario della Federazione Pd. Maestrini: “non concorre minimamente alla riorganizzazione”



SUVERETO — A pochi giorni dal consiglio aperto a Rosignano Marittimo per discutere gli effetti dell’accorpamento degli ospedali di Cecina e Piombino, il Comune della Val di Cornia si trova a fronteggiare una nuova questione in fatto di sanità. Seppure la Regione Toscana si dice pronta a investire sulla riorganizzazione territoriale del servizio sanitario, il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi si esclude dalla discussione con i sindaci della Val di Cornia, preferendo invece il dialogo con il sindaco pentastellato di Livorno.

“Quando si è sindaci e si hanno responsabilità di governo non si scelgono i propri interlocutori istituzionali in base alla loro appartenenza politica. – sentenzia Carla Maestrini, vicesegretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba – Gli interessi dei cittadini suveretani che Parodi dovrebbe rappresentare si difendono insieme agli altri Comuni con cui Suvereto condivide i servizi”.

Come dimostrato anche per la costituzione del nuovo Ufficio di Piano, il sindaco di Suvereto non è d’accordo con le proposte alle quali tutti i Comuni della Val di Cornia e della bassa Val di Cecina stanno lavorando secondo il progetto che la Federazione Pd ha recentemente lanciato.

Nel marzo 2015, spiega Maestrini, la conferenza dei sindaci della Val di Cornia e della Bassa Val di Cecina ha approvato a tale proposito una delibera che individua la creazione di un ambito territoriale comprensivo, con un bacino di utenza di circa 150.000 abitanti, attraverso l'unificazione dei servizi sociosanitari e la realizzazione di un ospedale unico della zona sud della Provincia di Livorno articolato su due presidi. “Questa strategia – aggiunge il vicesegretario della Federazione - permetterebbe alla sinergia tra i due ospedali di Cecina e Piombino di concretizzarsi nella realizzazione di un ospedale di primo livello che ai servizi di base aggiunga alcune significative specialistiche come traumatologia ortopedica, cardiologia Utic, neurologia, psichiatria, oculistica, urologia e otorinolaringoiatria. Un obiettivo, questo, che troverebbe il suo ottimale compimento nel coinvolgimento dell'ospedale di Portoferraio nel progetto di rete”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'avviso dalla sala operativa della Protezione civile regionale che segnala temporali forti e rischio idrogeologico su gran parte della Toscana
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità