comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PIOMBINO16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 04 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Conte: «Da subito attivo il piano ‘Italia cashless' per gli acquisti con carte, ma non online»

Politica giovedì 01 ottobre 2020 ore 15:38

Imu 2020, "speravamo in un ripensamento a ribasso"

Cristina Solignani, consigliera di Uniamo Suvereto

Consiglio comunale urgente per modificare una aliquota. Il gruppo Uniamo Suvereto contesta le scelte della giunta Pasquini in fatto di Imu 2020



SUVERETO — Passo indietro o errore della giunta Pasquini in merito alla aliquota Imu 2020?Se lo domanda il gruppo di opposizione Uniamo Suvereto. 

"Avevamo espresso la nostra contrarietà e richiesto maggiore trasparenza nel chiarire da subito la scelta politica della giunta Pasquini di non sopprimere di fatto il tributo Tasi, ma di incamerarla come aumento dell’imposta Imu. Avevamo evidenziato che per due tipologie di immobili, addirittura si era superata la somma delle aliquote e l’Amministrazione aveva operato l’aumento massimo previsto. - hanno spiegato - L’esempio che avevamo fatto era proprio quello dei fabbricati ad uso attività produttive: Imu 2019 aliquota 0,76 più Tasi 2019 aliquota 0,25 totale 1,01. Aliquota per il 2020 fissata dal Comune di Suvereto invece era del 1,06. I dubbi e la contrarietà del gruppo di minoranza su questa scelta amministrativa si erano scontrati con la consueta negazione di un confronto da parte della maggioranza e le obiezioni della minoranza, tacciata ormai ritualmente di incompetenza, venivano respinte con veemenza dall’assessore competente. Ieri - hanno aggiunto - a distanza di due mesi è stato chiesto al Consiglio comunale, convocato d’urgenza, di modificare proprio l’aliquota relativa ai fabbricati ad uso attività produttive da 1,06 a 1,01. La giustificazione? C’è stato un errore, volevamo solo sommare le aliquote non aumentarle".

Per il gruppo Uniamo Suvereto la scusa dell'errore non regge, segnalando che non è stata modificata anche un’altra aliquota, quella degli immobili di proprietà di anziani ricoverati in casa di cura, fissata nel massimo di legge e non nella somma delle precedenti aliquote.

"Non solo non condividiamo il principio, comunque ribadito dall’amministrazione Pasquini, del recupero fittizio di un tributo abolito inserendolo in un altro, ma la giustificazione ancora una volta fornita dall’assessore ricorrendo alle esigenze di bilancio, convince ancor meno. - hanno commentato - Il bilancio comunale è stato rappresentato come solido con oltre 200mila euro di avanzo disponibile e siamo ormai in una fase dell’anno in cui l’Amministrazione dovrebbe aver cognizione dello stato dei suoi conti. Ci saremmo aspettati un ripensamento in ribasso delle aliquote, togliendo per lo meno la ex aliquota Tasi, e non un consiglio d’urgenza per modificare un asserito errore che sa più di ripensamento, che ci mancherebbe, è sempre meglio di prima, ma certamente non soddisfacente. Si può metterla come si vuole, - hanno concluso - ma l’Imu 2020 per i proprietari sarà maggiore e con decorrenza dal primo gennaio, ciò che resteranno invariate saranno le entrate tributarie comunali a dispregio delle difficoltà economiche dei cittadini-contribuenti, cui erano stati annunciati interventi di sostegno".



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità