QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Attualità giovedì 14 luglio 2016 ore 14:17

Balneari, l'Ue boccia la proroga delle concessioni

La sentenza della Corte di Giustizia Europea ha stabilito che le concessioni sulle spiagge italiane devono essere messe a gara subito



LUSSEMBURGO — La proroga automatica delle concessioni demaniali marittime e lacustri fino al 31 dicembre 2020 decisa dall'Italia è da cassare. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia dell'Unione Europea, con la sentenza che riunisce due cause che vedono opposti dei gestori di bagni a enti locali, in Lombardia e Sardegna. 

Secondo quanto disposto dalla Corte, il diritto dell'Unione è contrario alla possibilità che le concessioni per l'esercizio delle attività turistico-ricreative nelle aree demaniali marittime e lacustri siano prorogate in modo automatico, in assenza di qualsiasi procedura di selezione dei potenziali candidati. Questo perché, hanno detto i giudici di Lussemburgo, in questo modo si impedisce la selezione imparziale e trasparente dei candidati alla gestione del servizio. 

Dal punto di vista giuridico, la pronuncia non risolve direttamente le controverse nazionali da cui si era partiti. Quella della Corte è infatti l'interpretazione del diritto dell'Unione sulla base della quale ora spetterà al giudice nazionale competente risolvere la causa.

Una mazzata contro cui i balneari hanno già annunciato battaglia con un presidio davanti al ponte di Lido di Camaiore. 



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità