Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:59 METEO:PIOMBINO24°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Attualità domenica 06 ottobre 2019 ore 13:04

Differenziata, in Val di Cornia non decolla

Nessuno degli Ato ha superato l'obiettivo del 65%, maglia nera per l'Ato Sud di cui la Val di Cornia fa parte. Ecco i dati



VAL DI CORNIA — La raccolta differenziata cresce in Toscana che per il 2018 segna un + 2,2 portando la regione al 56%. E' quanto si evince dai dati relativi alla certificazione delle raccolte differenziate riferiti al 2018. appena pubblicati dalla Regione Toscana.

La produzione di rifiuti urbani è stata pari a 2,29 milioni di tonnellate, in aumento del 2% rispetto all'anno precedente (+44.600 tonnellate) con il dato pro capite che è passato da 600 a 613 kg/abitante. Positiva la sostanziale diminuzione, pari a circa 29.000 tonnellate, della parte non differenziata dei rifiuti, accompagnata da un aumento delle raccolte differenziate di circa il 6% rispetto al 2017 (+74.000 tonnellate) (leggi qui l'articolo correlato).

Nessuno degli Ato ha superato l'obiettivo del 65% di raccolta differenziata, stabilito dalla norma nazionale per il 2012. Andiamo a vedere i dati nel dettaglio.

A scala di Ambito i risultati migliori in termini di efficienza della raccolta differenziata sono stati quelli di Ato Toscana Costa (province di Livorno –esclusi i comuni della Val di Cornia-, Lucca, Massa e Pisa) e di Ato Toscana Centro (Città Metropolitana di Firenze e province di Pistoia e Prato) rispettivamente al 60,8 e al 60,6 percento.

L'Ato Toscana Sud (province di Arezzo, Grosseto, Siena e comuni livornesi della Val di Cornia) si attesta al 41,9% con un aumento di 2,5 punti rispetto al 2017, confermando la fine della lunga fase di stagnazione delle performance di raccolta differenziata che aveva interessato questo territorio fino al 2016.

In Ato Sud mantengono risultati oltre il 65% di raccolta differenziata i comuni di Civitella in Val di Chiana, Monte San Savino, Magliano in Toscana, Asciano e Rapolano Terme, mentre oltrepassano l'obiettivo per la prima volta nel 2018 Lucignano, Montieri, Chianciano Terme, Chiusi e Torrita di Siena. I Comuni della Val di Cornia non hanno superato l'obiettivo.

La raccolta differenziata in Val di Cornia nel 2018 è stata del 37,00%: Campiglia al 39,52%, Piombino al 34,53%, San Vincenzo del 39,84%, Sassetta al 21,54%, Suvereto al 45,95%. In tutti i Comuni, eccetto Sassetta, la differenziata è aumentata rispetto al 2017, ma ancora troppo poco per il raggiungimento degli standard.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La denuncia dell’assessore alla Sanità del Comune di Piombino Carla Bezzini: “Non si dimettono più le persone nelle ore notturne”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità