Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:59 METEO:PIOMBINO13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità lunedì 18 maggio 2015 ore 18:52

Bertocchi: "Facciamo chiarezza sugli immigrati"

L'amministrazione comunale torna sulla questione degli immigrati presenti a Venturina, il vicesindaco Jacopo Bertocchi fa il punto della situazione



CAMPIGLIA MARITTIMA — “Riportare la complessità di un fenomeno come l’immigrazione dalla dimensione globale a quella locale implica un confronto doloroso e una responsabilità diffusa nel rispetto dei valori di solidarietà e accoglienza che fanno parte della nostra crescita civile. 

La crisi del Mediterraneo è un tema europeo da Mare nostrum a Triton, gli Stati hanno le loro responsabilità storiche e politiche, i flussi migratori sono in costante crescita, accogliere tutti è impossibile così come sottrarsi ai nostri doveri. 

Sarebbe ipocrita pensare di non ledere la sensibilità di alcuni cittadini, ma noi dobbiamo comportarci con grande responsabilità e non perdere il senso delle istituzioni. Questo comporta attendere con sofferenza i tempi necessari per informare, mai con lo scopo di disinformare come taluni affermano ma per evitare di creare confusione in nome di una frettolosa chiarezza e non cedere a stimoli di tipo populista con presenze inopportune, strada che invece altri hanno imboccato.

Le reazioni a mezzo stampa di questi giorni ci fanno riflettere su quanto poco vogliamo essere informati e non di quanto siamo poco informati. La Val di Cornia ospita da anni rifugiati politici, tema su cui le ASL, le Amministrazioni e il tessuto associativo hanno cooperato per anni insieme. Sembra che con i fatti della stazione di Campiglia, vicenda monitorata, si sia svelato il mistero che l’immigrazione sia cosa di tutti e di tutti i giorni.

Poco abbiamo saputo delle tragiche storie di quelle persone, se effettivamente possono comunicare con noi, parlarci di loro, farci capire cosa hanno sofferto e che nemmeno desiderano stare in Italia. Quanto ci interessa tutto questo? Qualcuno si è forse preoccupato di riportarlo? Chi si è avvalso del primato di parlare con il gruppo di cittadini della stazione, forse aveva una priorità che non è la nostra. 

Abbiamo seguito le fasi, talvolta complicate, che la Prefettura ha messo in atto per fronteggiare l’emergenza e organizzare l’accoglienza sul territorio, ovviamente stando a quelle che sono le nostre competenze. La nostra attenzione sarà comunque costante, cercheremo di assicurare la maggiore integrazione e la conseguente tranquillità per coloro che l’hanno persa. 

Intanto, nei pressi della stazione di Campiglia Marittima, nei luoghi dell’accoglienza, giorni dopo le concitate ore dell’arrivo dei profughi, si può parlare, vedere e capire, fare un po’ di chiarezza, quella che conta. In settimana ci sarà l’incontro pubblico con Sindaco e Prefetto”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia Gordiano Lupi ricorda la piazza d'un tempo e i ricordi ad essa legati. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica

Attualità