Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:12 METEO:PIOMBINO10°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Politica lunedì 20 aprile 2015 ore 16:07

Callaioli: "Quel consiglio comunale è una farsa"

Il consigliere comunale Fabrizio Callaioli di Rifondazione Comunista commenta l'incontro sulla sanità con l'assessore regionale Luigi Marroni



PIOMBINO — "Non ci ha messo molto il PD a trasformare – inizia Callaioli – il consiglio comunale sulla sanità, da noi richiesto, in una farsa. Peccato, non sapremo, almeno per ora, che ne sarà dell’ospedale di Villa Marina, o dei servizi sanitari territoriali, eppure perfino l’assessore Di Giorgi lo aveva chiesto chiaramente all’assessore regionale Marroni (PD), che cosa sarebbe cambiato per Piombino con la riforma della sanità regionale voluta da Rossi.

Ciò che è chiaro è che questa riforma è figlia della crisi economica, e quindi dei tagli alla spesa pubblica, che il governo Renzi si appresta a fare, in omaggio all’Europa delle banche e delle multinazionali, senza nemmeno provare a contrastare tale visione economica come invece fa Tsipras.

Quello che ci aspetta, meno risorse – meno servizi, soprattutto nelle periferie come Piombino, anche se non sappiamo ancora bene come e cosa verrà tagliato, o meglio, ci verrà comunicato dopo le elezioni regionali, in modo che i toscani continuino a votare PD tranquilli.

Villa Marina diventerà poco più che un pronto soccorso, e anche dalla sinergia con Cecina ci aspettiamo poco, visto che non sono state definite strategie e contenuti. Ciò che è chiaro invece, è che a Piombino ci saranno meno posti letto, e meno specialistiche, ma ci sarà (forse) il collegamento con il parcheggio dell’ospedale, in modo da facilitarne l’accesso e l’asfaltatura della parte sterrata del parcheggio. Probabilmente perderemo il punto nascite, (il reparto è già stato accuratamente depotenziato, i ginecologi più giovani se ne sono andati a Cecina e Grosseto, dove contribuiscono ad incrementare il numero dei nati), ed anche il parto indolore rappresenta niente di più che un impegno preso anni fa.

Niente è stato detto sull’ortopedia, otorino, urologia, giusto per citare alcuni raparti che in passato erano comunemente considerati di alto livello.

Marroni ha inoltre negato ciò che è scritto chiaramente nella legge che porta il suo nome, e cioè che vi sarà un’apertura al privato, che verrà invece coinvolto anche nelle scelte strategiche (addio sanità pubblica, attenta ai bisogni di tutti, da ora in poi ci preoccuperemo del profitto!).

Ma come si può pensare ad uno sviluppo industriale e turistico come quello che dovrebbe coinvolgere Piombino, senza pensare che qui occorrono servizi sanitari ed ospedalieri almeno pari a quelli che avevamo prima dei tagli?

Comunque secondo Marroni tutto va bene, in Toscana la sanità è prima in tutti gli indicatori di efficienza e gradimento, (non sul podio, PRIMA!) e qui, grazie a loro, abbiamo l’aspettativa di vita più lunga DEL MONDO. Se non è una farsa questa!"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Assolta in appello l’infermiera accusata della morte di dieci pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità