QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°26° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 23 luglio 2019

Politica mercoledì 22 giugno 2016 ore 12:08

Non esiste solo il parco termale

Una panoramica di Campiglia Marittima

Mentre i lavori per il percorso fitness vanno avanti, Comune dei Cittadini stila l'elenco di tutti quei piccoli e grandi problemi che ci sono



CAMPIGLIA MARITTIMA — Comune dei Cittadini fa presente che mentre stanno proseguendo i lavori per il parco termale, nelle altre parti di Campiglia scarseggiano i più basilari interventi.

"Prendiamo ad esempio la situazione della frazione di Cafaggio: - ha specificato Comune di Cittadini - mentre in tutta Italia i dossi dissuasori di velocità spuntano come funghi, a Cafaggio non si possono realizzare, la legge non lo prevede. Ma l’illuminazione per aumentare la visibilità notturna dell’attraversamento pedonale si poteva fare, eppure dopo l’istallazione dei pali, a più di un anno dai lavori, l’illuminazione non è stata ancora attivata. Oltre questo c’è da rilevare che se i dossi non si possono istallare ci sono molti altri strumenti per limitare la velocità: dai dissuasori sonori a quelli visivi, ma anche di quelli non si vedrà la realizzazione. Sempre nella zona della frazione, - ha aggiunto - da anni l’autovelox, che è inutilizzabile, sta marcendo sotto le intemperie e non si riesce a capire il motivo per cui non viene rimosso. Nella via di Ulceratico i pini ostruiscono la visibilità per chi deve immettersi sulla Suveretana, basterebbe uno specchio stradale per risolvere il problema, eppure è 15 anni che gli abitanti chiedono una soluzione".

Se si guarda a Campiglia il problema dei parcheggi per i residenti in estate ritorna ciclicamente, nella zona di via Burattelli inoltre è stata da anni proposto il senso unico per guadagnare posti auto. 

E non finisce qui. "A Venturina le persone che vanno o vengono dalla stazione devono affrontare ogni volta il muro del cavalcavia con i rischi che ne conseguono per le auto che vi transitano, anche in questo caso, c’è un sottopassaggio che eliminerebbe il rischio di incidenti, ma non è segnalato e quindi in pochi lo utilizzano, così i pedoni continuano a rischiare la vita salendo lungo il cavalcavia. Per non parlare della situazione della zona blu ormai destinata a rimanere incompiuta".

Per questo motivo la lista Comune dei Cittadini sta organizzando un'assemblea pubblica per accedere i riflettori su questi problemi e sottoporli all'attenzione dell'Amministrazione.



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità