Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO16°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Attualità venerdì 10 luglio 2020 ore 21:37

Dopo l’incendio rientrano a casa 53 famiglie

Si è tenuta la riunione tra amministrazione, Arpat, Asl, Protezione civile provinciale, Forze dell’ordine e famiglie



CAMPIGLIA MARITTIMA — Potranno far rientro nelle loro case 53 famiglie delle 58 residenti nella zona colpita dalle conseguenze dell’incendio che ha distrutto il capannone di Jia Jia Mai in via Indipendenza a Venturina Terme. La notizia l’ha data la sindaca Alberta Ticciati nell’incontro di aggiornamento con i cittadini interessati, svoltosi stasera nella sala Sefi con Arpat, Asl, Protezione civile provinciale e Forze dell’ordine.

L’appuntamento alle 19, dopo pochi minuti dal termine del tavolo tecnico che si è protratto dalla tarda mattinata di stamani nel corso del quale sono stati analizzati tutti i dati a disposizione, alcuni dei quali, non dirimenti per il rientro, sono giunti a riunione in corso.

Oltre all’amianto sono state rilevate anche quantità di microinquinanti, diossine ed Ipa. In sintesi, si è evidenziato che la dispersione di amianto c’è stata ma è stata circoscritta in un raggio di 100 metri dal capannone distrutto, la parte più significativa toccata è quella a 20-30 metri di distanza. I campionamenti eseguiti sia dalla ditta incaricata dalla proprietà sia da Arpat hanno escluso la presenza di fibre all’interno delle abitazioni e quindi domani mattina la sindaca firmerà l’ordinanza per far rientrare le famiglie nelle loro case, a parte le 5 che abitano nelle case più vicine.

Anche i due ristoranti potranno riaprire, ma per quello più vicino al capannone distrutto non sarà possibile utilizzare lo spazio esterno, si dovranno usare pertanto solo i tavoli delle sale interne.

Il consumo di frutta e verdura, così come la coltivazione degli orti, rimane vietato nell’area già individuate nel giorni scorsi per la presenza di microinquinanti, diossina e benzopirene. Si tratta però di quantità che sono di poco al di sopra di quanto la normativa consente nei terreni coltivati, ma molto al di sotto della quantità considerata normale nell’ambito residenziale cittadino.

La sindaca ha ringraziato tutte le persone che dall’inizio hanno lavorato per giungere a un risultato il prima possibile, ha ringraziato anche le forze dell’ordine, presente al tavolo il comandante di Venturina Marco Vaccarini, che hanno, d’intesa con la prefettura, intensificato il presidio, anche se purtroppo, e qui ha espresso solidarietà alla famiglia, un caso di sciacallaggio si è verificato la notte scorsa. Prezioso, ha sottolineato Ticciati, è stato il continuo contatto delle forze dell'ordine per l'interlocuzione con la prefettura.

Nel prossimi giorni proseguirà il lavoro per definire interveti e monitorare la zona.

In particolare alle cinque famiglie che saranno costrette a rimanere ancora fuori casa, la sindaca e l'amministrazione comunale esprimono la vicinanza e assicurano l'impegno per uscire presto da questa situazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'avviso dalla sala operativa della Protezione civile regionale che segnala temporali forti e rischio idrogeologico su gran parte della Toscana
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità