Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PIOMBINO11°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 04 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
L'accorato appello di Ornela: «Contratti di lavoro da 750 euro? Uno schiaffo. Smettiamo di accettare paghe da fame»

Attualità domenica 13 gennaio 2019 ore 11:09

"Quel piano un assemblaggio casuale di scelte"

Il Comitato per Campiglia: "Ogni amministrazione promette di adottare un comportamento virtuoso e collaborativo, poi fa le sue scelte affrettate e deleterie"



CAMPIGLIA MARITTIMA — Il Piano strutturale d'area? "Un presunto processo di co-pianificazione con dietro un progetto disorganico e frutto di un assemblaggio casuale di scelte", secondo il Comitato per Campiglia che in una nota è intervenuto sul percorso che vede coinvolti i Comuni della Val di Cornia.

"In realtà assistiamo ad un sovranismo comunale acutizzato in vista delle prossime elezioni: ogni amministrazione se da una parte promette di adottare un comportamento virtuoso e collaborativo su grandi temi comuni, dall'altra fa le sue scelte affrettate e deleterie per accontentare chi realmente gestisce oggi l'economia del territorio", ha commentato il Comitato per Campiglia riportando alcuni esempi: "Campiglia Marittima sposta la fine dell'escavazione nelle cave del suo territorio a data indefinita, San Vincenzo prende in considerazione l'apertura di una nuova cava di decine di ettari, sempre a San Vincenzo si parla di uscire dalla Parchi Val di Cornia per potere gestire autonomamente le aree pubbliche di Rimigliano e magari far fare un po' di stabilimenti balneari a vantaggio dei soliti noti immobiliaristi, a Piombino si fanno costruire in prossimità della spiaggia sei torri eoliche di 180 metri per far risparmiare Aferpi, a Piombino si vuole ampliare la discarica per rifiuti speciali per ripianare debiti dei quali qualcuno dovrebbe rispondere".

Temi questi che secondo il Comitato si sarebbero dovuti trattare complessivamente coinvolgendo tutti i Comuni della Val di Cornia.

"Politici e tecnici non ci vengano a recitare il solito mantra falso e bugiardo che la variante al Piano Strutturale sarà basata sulla tutela del paesaggio, sullo sviluppo di attività economiche non impattanti, e su tante altre belle favole. - ha concluso il Comitato - In realtà tutti i Comuni, compreso Suvereto con il discusso progetto di macroampliamento di Terna, stanno facendo man bassa del paesaggio che è l'unico patrimonio durevole da tramandare alle future generazioni e dal quale potranno trarre lavoro e sostentamento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'iniziativa che si svolge a livello nazionale permette di prenotare un incontro con i professionisti sia a Piombino che a Portoferraio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità