Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:58 METEO:PIOMBINO17°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 17 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'evacuazione dei feriti da Azovstal, i bus lasciano l'acciaieria

Attualità giovedì 20 maggio 2021 ore 19:27

Rimateria, "destino in mano ai soci privati"

I sindaci di Campiglia, Castagneto e Sassetta si sono espressi sul futuro della discarica e confidano nella proposta dei soci privati



CAMPIGLIA MARITTIMA — I sindaci di Campiglia Marittima, Castagneto Carducci e Sassetta intervengono sulla situazione di Rimateria, dopo che la Regione ha ricevuto la proposta tecnica di Rimateria che rappresenta una via per la prosecuzione dell’attività con un ruolo di primo piano da parte dei soci privati.

"Nella mattina di domani, venerdì 21 Maggio, si decideranno le sorti dell’azienda Rimateria, quando i soci pubblici e privati saranno chiamati ad esprimersi su 2 opzioni: continuare nell’attività o dichiarare l’autofallimento. - hanno spiegato i sindaci - Un momento delicatissimo e molto complesso, prodotto di due anni di trattative altrettanto difficili tra i soci privati, la Regione Toscana e il sindaco di Piombino socio di maggioranza, che non ha mai nascosto le sue intenzioni avverse nei confronti di Rimateria. Ci dispiace ma non ci stiamo ad essere annoverati tra le amministrazioni locali che avrebbero agito per limitare l’operatività di Rimateria (riferendosi alla nota di Iren Ambiente, ndr), non ci stiamo alla prassi ormai purtroppo consolidata di fare di tutta l’erba un fascio". 

"I sindaci di Campiglia Marittima, Castagneto, San Vincenzo e Sassetta, ci teniamo a ricordarlo, il 18 Novembre 2019 nell’Assemblea dei soci si espressero a favore dell’ipotesi che prevedeva il completamento del cono rovescio e la riprofilatura della discarica ex Lucchini, con scadenza presumibile nel 2024, mentre soltanto i sindaci di Piombino e Suvereto si dichiararono contrari a tale scenario scegliendo invece di limitare l’attività di Rimateria al cono rovescio. - hanno sottolineato - Questi sono i fatti e ci sono atti e verbali che lo certificano. Comprendiamo l’amarezza e la difficoltà di lavorare in un contesto di questo tipo manifestate a mezzo stampa da Iren, ma ci teniamo a distinguere le posizioni per rispetto del lavoro sin qui prodotto da ciascuno di noi e per rispetto dei cittadini che rappresentiamo".

"Lo scenario del fallimento è quanto di peggiore si possa immaginare, perdita di posti di lavoro, danni economici sui bilanci dei Comuni soci, danni ambientali che si amplificherebbero nel tempo senza possibilità di risoluzione. - hanno evidenziato - Per questo motivo, per quel che abbiamo potuto, con gli strumenti a nostra disposizione ci siamo attivati per rappresentare la complessità di questa situazione alla Regione Toscana, per richiedere una risposta celere alla proposta tecnica avanzata da Rimateria che, ne siamo felici, ci risulta essere pervenuta e ci risulta rappresentare un’apertura importante che adesso mette il destino dell’azienda nelle mani dei soci privati".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In pochi giorni raccolti quasi duemila euro grazie alla raccolta fondi avviati dagli amici del ragazzo dopo i traumi riportati nell'incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità