QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°15° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 08 dicembre 2019

Attualità venerdì 11 ottobre 2019 ore 13:37

Consorzio di bonifica,Benvenuto direttore generale

Il Toscana Costa centra lo stesso record già messo a segno nel 2015: quello di avere alla guida il Direttore Generale più giovane della Toscana



CAMPIGLIA MARITTIMA — Il Direttore Generale più giovane della Toscana resta alla guida del Consorzio 5 Toscana Costa fino al 2024. Roberto Benvenuto rimane alla guida della struttura tecnico operativa dell’ente dove è approdato all’inizio del 2015, poco dopo la riforma del sistema della bonifica e la nascita del nuovo ente.

Laureato in ingegneria dell’ambiente e del territorio, dal 1 ottobre, è stato riconfermato direttore generale e rimarrà in carica fino al 2024. Il suo percorso professionale infatti inizia da lontano. Nel 2001 all’interno del piccolo Consorzio della Val di Cornia; prosegue nel Consorzio Alta Maremma di cui, dal 2005 al 2010, diventa direttore; passa dal Consorzio Bonifica Grossetana che guida fino al febbraio 2014, quando diventa vice direttore del neonato Consorzio 6 Toscana Sud. Nel 2015 arriva l’incarico ai vertici di uno dei sei Consorzi creati dalla LR 79/2012: il 5 Toscana Costa, dove il 30 settembre scorso ottiene la riconferma fino al 2024.

Superata la selezione, sul nome di Benvenuto è arrivata l’intesa, resa necessaria dalla normativa vigente, del governatore Enrico Rossi; un atto non formale ma sostanziale visto che, prima di esprimere un parere definitivo, il numero uno della Regione Toscana ha voluto incontrare tutti i professionisti che hanno risposto all’avviso pubblico. Al termine dei colloqui, la decisione e il via libera che ha consentito il completamento della governance di tutti i Consorzi.

“Sono stati anni impegnativi e difficili, dedicati a migliorare l’efficienza e la qualità delle manutenzioni dei corsi d’acqua, anche per far fronte alle nuove sfide poste dai cambiamenti climatici; spesi per completare il percorso di razionalizzazione del sistema della bonifica; segnati dalla drammatica esperienza di un grave evento alluvionale. Ma sono stati anche anni carichi di soddisfazioni, di risultati operativi importanti, di investimenti per garantire una maggiore sicurezza al reticolo di gestione; di nuovi progetti per il territorio, tra cui la sigla del contratto del fiume Cornia. Il futuro? E’ continuare ad investire nelle manutenzioni, coniugando sicurezza e rispetto dell’habitat naturale”, ha commentato Benvenuto dopo la nomina.



Tag

Calenda in tv: «Quando Renzi era premier, noi ministri lo prendevamo in giro»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Spettacoli

Lavoro