Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO23°26°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il patriarca Kirill scivola sull'acqua santa e cade durante la funzione religiosa

Attualità mercoledì 18 maggio 2022 ore 16:00

Infermiere di famiglia, già 60 persone in carico

Foto di repertorio

L'iniziativa è stata attivata nei piccoli Comuni delle Valli Etrusche. I sindaci fanno il punto con i responsabili dell'Ausl Nord Ovest



CASTAGNETO CARDUCCI — Si è svolto nella sala riunione della Casa della Salute di Donoratico l’incontro dei sindaci della Società della Salute Valli Etrusche presieduta da Sandra Scarpellini. Tra i punti all’ordine del giorno la presentazione del nuovo servizio del cosiddetto infermiere di famiglia che dal Dicembre scorso è attivo sul territorio delle Valli Etrusche con oltre 60 persone già prese in carico dai 9 operatori. 

“Il nuovo modello organizzativo promosso dalla Regione Toscana – ha spiegato Laura Brizzi, direttrice della SdS Valli Etrusche presente all’incontro assieme al direttore dello staff dell’Azienda Usl Toscana nord ovest, Francesco Bellomo – nasce per avvicinare la risposta sanitaria al domicilio del paziente, in modo da aiutare i cittadini ad accedere in maniera sempre più appropriata ai servizi sanitari e sociosanitari territoriali. Il servizio è condotto in stretta integrazione con il medico di medicina generale e con gli altri professionisti della salute che operano nella rete territoriale. L’infermiere di famiglia e di comunità orienta infatti persone e famiglie nella complessa rete dei servizi territoriali facilitandone l’accesso e la continuità assistenziale". 

“Ad oggi sono oltre 60 le persone già prese in carico dal servizio in questi primi mesi con grandi risultati. – ha detto Chiara Pini, direttrice dell’Assistenza Infermieristica per l’Ambito Livornese accompagnata dal dirigente di prossimità, Roberto Giuliani e da Anna Culicchi, responsabile infermieristica per il territorio delle Valli Etrusche – Il nuovo modello assicura non solo appropriatezza clinico-organizzativa, ma porta competenze multidisciplinari principalmente al domicilio dei cittadini nei loro momenti di maggiore fragilità. Il modello, nel rispetto della territorialità e della prossimità, prevede che ad ogni infermiere sia affidato un gruppo di popolazione identificato geograficamente”.

Attualmente gli infermieri impegnati in questo tipo di servizio sono nove e stanno operando sui territori dei Comuni di San Vincenzo, Sassetta, Suvereto, Monteverdi Marittimo, Guardistallo e Campiglia Marittima. Nei prossimi mesi il servizio arriverà a coprire anche Riparbella, Casale Marittimo, Montescudaio, Santa Luce e Castellina Marittima.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I mille passeggeri e i 300 veicoli della nave sono stati fatti sbarcare a Livorno e dirottati su Piombino, per farli imbarcare sulla Moby Wonder
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport