QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°22° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 20 ottobre 2019

Attualità martedì 15 settembre 2015 ore 15:39

La scuola inizia, ma 3 ore dopo

Grande partecipazione all'assemblea di stamani a Livorno secondo la Cgil che è tra le sigle sindacali che l'hanno promossa



PROVINCIA DI LIVORNO — Apertura in ritardo di tre ore delle scuole di ogni ordine e grado di Livorno, Rosignano e Cecina per l'assemblea degli insegnanti e del personale Ata indetta oggi da Cgil, Uil, Cisl e Snals. Una protesta voluta dai sindacati contro la riforma della Buona scuola in occasione del primo giorno di scuola in Toscana.

All'assemblea che si è tenuta questa mattina alla stazione marittima di Livorno, oltre al corpo docente e al personale Ata è intervenuta una rappresentanza della 'Rete studenti Medi' e la vicesindaco Stella Sorgente che ha salutato la platea. 

Domani sono previste assemblee in Val di Cornia e Piombino e giovedì all'isola d'Elba sempre per le prime tre ore di lezione

"C'è stata una grande partecipazione - ha spiegato Patrizia Villa, segretaria provinciale della Flc Cgil - la platea ha segnalato che ci sono slanci in avanti rispetto alle effettive applicabilità della legge e che si tenta quindi attraverso l'utilizzo di scelte non adeguatamente consapevoli di anticipare i contenuti della riforma chiamata la Buona Scuola". "I sindacati unitariamente hanno invitato il personale a non precipitare scelte che attengono le numerose deleghe in bianco che la legge attribuisce al Governo - aggiunge - Ad esempio l'alternanza scuola lavoro, i comitati di valutazione e il bonus che di fatto non e' un aumento salariale, ma appunto per sua natura un bonus". 

"Abbiamo inoltre preannunciato ricorsi alla Corte costituzionale, in particolare in materia di assunzioni dai dirigenti scolastici, la cosiddetta chiamata diretta, e tutto ciò che concerne la libertà di insegnamento che e' un diritto costituzionalmente garantito - conclude - Abbiamo annunciato infine altre mobilitazioni e probabile sciopero generale entro la fine di ottobre".

In quattromila, fra docenti e personale Ata, hanno partecipato stamani anche all'assemblea all'Obihall di Firenze. I sindacati stimano che a Firenze, per la protesta, più di due terzi delle scuole abbiano avuto orario ridotto o siano rimaste chiuse.

IN TOSCANA INIZIA LA SCUOLA TRA LE PROTESTE


Tag

Conte: «Io contro il popolo delle partite Iva? Una fesseria»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità