Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:55 METEO:PIOMBINO13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 23 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dell'alligatore catturato mentre vagava sulle piste dell'aviazione militare in Florida

Politica martedì 06 giugno 2023 ore 16:29

Sciopero infermieri, "serve riorganizzazione"

Tenerini (Forza Italia): "Necessario intervento immediato di riorganizzazione. Eccessiva distanza tra centro direzionale e strutture periferiche"



PROVINCIA DI LIVORNO — “Il personale infermieristico della Usl Toscana nord ovest sciopererà il 9 Giugno a causa dei gravi e perpetrati disagi con i quali è costretto a scontrarsi giornalmente. Ritengo necessario un intervento urgente da parte dei sindaci del territorio, che devono chiedere un confronto con la Regione”. 

Parole della deputata Chiara Tenerini di Forza Italia a seguito della notizia del proclamato sciopero.

“La riforma del 2015 ha riorganizzato la sanità toscana dividendo l’area di competenza in tre, tra cui la Toscana nord ovest. - ha proseguito - Voluta in un’ottica di spending review ha in realtà solo ridotto progressivamente personale e servizi. Si è creata un’eccessiva distanza tra il centro direzionale e le strutture periferiche, causando il depauperamento delle prestazioni locali e un’eccessiva discrepanza tra il livello delle prestazioni tra nord e sud, anche all’interno della stessa usl. Progressivamente si sono ridotte le prestazioni ad alta specializzazione per la carenza di personale, come la nefrologia a Livorno. A Piombino continua a mancare un presidio ginecologico notturno, a Cecina la postazione di emergenza/urgenza del 118 è spesso coperta solo da personale infermieristico ecc. Il personale medico e infermieristico è oggi ovunque carente, dato che i pensionamenti non sono stati bilanciati da altrettante assunzioni, mentre i tempi per le prestazioni diagnostiche e ambulatoriali sono troppo lunghi, con liste di attesa inaccettabili. La situazione è destinata ad aggravarsi nel periodo estivo con l’arrivo dei turisti e parte del personale in ferie”. 

“Il Governatore Giani, in campagna elettorale, aveva aperto ad una revisione delle tre maxi aree, cosa che fino ad oggi non si è verificata. Ritengo - ha concluso - che sia necessaria un’azione immediata da parte di chi ha governato la Regione e la sanità toscana in questi anni ed è quindi il principale responsabile delle inefficienze. In assenza di ciò si rischia il collasso del sistema, a tutto discapito della popolazione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 52 anni è stato soccorso in località Pian dei Mucini, a Massa Marittima, nell'ambito della gara di Riotorto sui sentieri di Sara Lenzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca