Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità venerdì 30 luglio 2021 ore 15:59

Sanità, "serve più personale per dare i servizi"

Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil denunciano lo stato di affanno della sanità nella provincia di Livorno, dalle visite specialistiche ai pronto soccorso



LIVORNO — "L’emergenza sanitaria ha comportato il rinvio di molte visite e prestazioni in tutta la provincia di Livorno. Se a questo si aggiunge l’aumento di richieste di diagnostiche durante la fase critica della pandemia, è chiaro che tutto ciò si ripercuote sui tempi di attesa, con forti disagi verso i cittadini più deboli".

Lo sottolineano in una nota congiunta Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil.

"Per questo - proseguono le categorie sindacali- Regione e l’Asl nordo vest devono mettere in campo risorse e personale per ridurre il disagio che si sta riversando verso i cittadini con maggiore cronicità, a partire dai pensionati.
E’ inaccettabile che quando ci rivolgiamo ai Cup le liste siano chiuse o che ci venga detto che gli appuntamenti vengano presi con l’uso di tecnologie informatiche, sapendo che questo ricade in modo negativo sugli anziani che hanno meno conoscenza e capacità tecnologiche".

"Ma l’emergenza sanitaria ha messo a nudo anche la debolezza di un territorio che vede l’assenza di strutture di base; - prosegue la nota - i pronto soccorso sono ingolfati e i servizi territoriali, le Case della salute sono assenti e questo sta comportando una crisi della sanità nella provincia di Livorno acuta e complessa, tra l’altro con perdita di finanziamenti!
Lo stesso progetto che la Regione Toscana aveva elaborato, ospedale unico con due presìdi (Piombino e Cecina), non sta andando avanti come previsto".

"Non sappiamo ancora quale sono le specializzazioni che devono essere assegnate alle due realtà, - sottolineano i sindacati - manca il personale, sia medico specialistico che infermieristico, sia progetti d'investimento per supportare il progetto nel suo insieme e nel frattempo una serie di servizi specialistici vengono ridotti o annullati. Ci domandiamo cosa pensa di fare la Regione Toscana, quale risorse e quali funzioni debbano essere assegnate ai presìdi, ma anche quale è il ruolo della politica, dei sindaci della provincia a fronte di una crisi che appare irreversibile! Dobbiamo riprogettare la sanità, approfittando delle risorse che l’Europa mette a disposizione. Ma questo presuppone che ci siano progetti e soggetti in grado di elaborare un percorso diverso".


"La riflessione che facciamo è che quello che è accaduto sia stata un errore di valutazione, teso da un lato a risparmiare, dall’altro ha innescato un ruolo dei privati non convenzionati che sempre di più si sono gettati nell’affare sanità! - concludono i tre sindacati - Per questo vogliamo denunciare questa difficile situazione, perché in ballo c’è la salute delle persone, il diritto a curarsi, la qualità della vita della popolazione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca