Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:05 METEO:PIOMBINO17°19°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Attacco a Israele, ministro Esteri iraniano: "Operazione limitata e per autodifesa"

Attualità mercoledì 28 febbraio 2024 ore 19:15

"Auto sanitaria lasciata a terra, inaccettabile"

Foto di repertorio

La presidente della Pubblica Assistenza Capoliveri spiega quanto accaduto sul porto di Piombino ad un mezzo con due pazienti oncologici a bordo



PIOMBINO — "Nella giornata di ieri 27 febbraio si è verificato un episodio increscioso presso il porto di Piombino che ha coinvolto la nostra associazione ma soprattutto dei pazienti oncologici che sono costretti loro malgrado ed anche in situazioni di maltempo a recarsi a Livorno per effettuare le giuste terapie salvavita che non sono garantite nella nostra isola".

Lo segnala attraverso una lettera la presidente della Pubblica Assistenza di Capoliveri, Emma Feole.

"Specificatamente - spiega la presidente della Pubblica Assistenza- un nostro volontario alla guida di mezzo con a bordo due pazienti oncologici di rientro da Livorno alle ore 13,20 si è presentato presso la biglietteria Moby/Toremar di Piombino per effettuare il biglietto per la nave delle ore 13,30. La solerte addetta in servizio riferiva che non avrebbe fatto i biglietti alle auto ma solo ai pedoni. La volontaria spiegava il suo tipo di servizio ed il tipo di pazienti che aveva a bordo ma l'addetta riferiva "i tuoi pazienti hanno gli stessi diritti delle altre persone noi i mezzi non si imbarcano". La volontaria si è quindi vista costretta a fare imbarcare a piedi i due pazienti con tutte le possibili conseguenze visto che le terapie oncologiche debilitano le persone (forse gli addetti delle navi non lo sanno) ed il volontario garantisce proprio la loro assistenza durante il viaggio". 

"Nonostante tutto la nostra volontaria è riuscita a rientrare all'Elba solo con la nave delle 15,40, - prosegue Feole - dopo non poche rimostranze, visto che gli addetti continuavano a negargli l'imbarco. Questa situazione è a parere della scrivente grave e insostenibile e denota un assoluta mancanza di rispetto da parte delle compagnie navali nei confronti dei cittadini elbani che non solo per curarsi sono costretti a centinaia di chilometri giornalieri ma che si vedono negato l'imbarco e la giusta assistenza a bordo in maniera del tutto arbitraria visto che poi vi erano sulla nave numerose auto". 

"Oltre ciò - prosegue Feole - si denota un' ulteriore mancanza di rispetto nei confronti delle associazioni di volontariato e dei suoi volontari che dedicano il loro tempo libero agli altri e si vedono costretti ad abbandonare i pazienti e restare a terra distogliendo ulteriore tempo ai loro eventuali interessi. Oltretutto lasciare un mezzo a Piombino per un associazione significa non poter garantire i suoi servizi a chi ne avesse bisogno"

"Con la presente chiedo a gran voce l'intervento delle autorità preposte per far si che simili episodi non accadano mai più, visto che non è il primo episodio simile,e che sia garantito il diritto alla salute ed alla giusta cura agli elbani anche in situazioni di sovrafflusso delle navi la cui colpa non può certo ricadere né sui pazienti né sui volontari", conclude Feole.

La presidente della Pubblica Assistenza di Capoliveri infine fa sapere che ha anche inviato formale segnalazione alla Regione Toscana e all'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno