QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°22° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 21 settembre 2019

Attualità sabato 24 giugno 2017 ore 09:21

Che pace senza il giallone

Fratini lo dice senza mezzi termini. Con la sospensione della nave veloce, per un guasto, addio alle fastidiose onde che inondavano le spiagge



PORTOFERRAIO — "Che pace alle Ghiaie e alla Cala dei frati, alla Padulella, a Capo Bianco! La ragione? La nave gialla, quella della compagnia còrsa, si è guastata. Da alcuni giorni non naviga più. E non è ferma a banchina a Portoferraio o a Piombino. Speriamo che il guasto sia una cosa seria e che per ripararlo ci voglia ancora del tempo", così Giovanni Fratini di Porteferraio.

"In questi giorni alle Ghiaie la gente ha potuto prendere il sole e fare il bagno in tutta tranquillità, senza dover stare con gli occhi puntati sulla rotta dei traghetti che arrivano da Piombino; qualcuno ha anche potuto raggiungere la tanto agognata Cala dei frati e se l’è goduta senza la paura di essere sbattuto sugli scogli o trascinato in mare dalla forza di un’improvvisa onda. Mi sono sempre chiesto - ha aggiunto - che senso ha impiegare in un tratto di mare di sole 12 miglia una nave veloce; quali danni ambientali possano alla lunga provocare le sue frequenti onde anomale; perché le Amministrazioni comunali sulla cui costa si riversano con violenza quelle onde, il Parco nazionale o le Associazioni ambientaliste non abbiano mai detto una parola al riguardo. Secondo l’Autorità portuale, che ha autorizzato, alcuni anni or sono, l’ingresso della Corsica Ferry sulla rotta Piombino-Portoferraio, è necessario garantire anche nel mercato del trasporto marittimo, la massima concorrenza. Ma si può parlare di effetti positivi della concorrenza se una compagnia di navigazione può prestare servizio solo nei mesi estivi, quando il mercato è appetibile e, finita l’estate, può andarsene altrove, fregandosene bellamente di chi, per tutte le altre stagioni vive nell’isola o nell’isola deve venire per ragioni di lavoro? Si può parlare di utilità della concorrenza se, consentendo al privato di navigare quando gli resta più comodo, si rende di fatto impossibile la presenza di una terza Compagnia per tutto l’arco dell’anno?".

Chi aveva acquistato i biglietti dalla Corsica Ferry sembra che sia potuto imbarcare sui traghetti della Moby e della Toremar, fa sapere Fratini. E così i turisti in arrivo o in partenza non hanno subito disagi. Il traghetto veloce, intanto, potrebbe tornare in servizio già da oggi sabato.

"Concludendo, - si legge nella nota di Fratini - non posso fare a meno di osservare che,quando i traghetti delle altre tre Società di navigazione, sono costrette a fermarsi per un guasto anche modesto, la stampa locale ne dà subito, e giustamente, notizia. La Corsica Ferry, da diversi giorni, ha dovuto tirare 'i remi in barca' e non si ha ancora la certezza di quando potrà riprendere la navigazione (si dice che lo farà forse sabato prossimo). Un fatto piuttosto grave, considerato che siamo già in piena stagione turistica, a cui la stampa, questa volta, mi sembra che non abbia prestato la tradizionale attenzione".



Tag

«Scendi, non ti voglio più!». Le nuove intercettazioni choc di Bibbiano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica