Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:24 METEO:PIOMBINO19°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Di Battista: «Di Maio?Mi dispiace, ma chi è causa del suo mal... Ora si prenda una laurea»

Politica venerdì 08 luglio 2022 ore 14:16

Rigassificatore, "serve un No politico compatto"

Pino Coluccia

Lo sostiene l'ex sindaco di Rio Elba Pino Coluccia che sottolinea l'importanza che l'Elba e la Val di Cornia siano unite nella difesa del territorio



RIO — "Penso che il No al rigassificatore, debba essere un no politico, a tutto tondo, di tutto il territorio, Val di Cornia/Elba, per come i governi e la politica, compresa quella regionale e locale hanno e stanno gestendo la situazione di questo lembo della Toscana costiera". 

A sostenerlo è Pino Coluccia, già sindaco fi Rio nell’Elba ed ex consigliere provinciale, che interviene sul progetto di un rigassificatore nel porto di Piombino.

"Dalla crisi del comparto industriale, ai processi di bonifica e riconversione, diversificazione, dalle infrastrutture della mobilità moncherine, sia terrestre che marittima (attualmente completamente allo sbando), alla Sanità, ormai in preda a carenze e inefficienze vistose e ad una privatizzazione strisciante ed alla rete di assistenza sociale e sanitaria carente d'organico (liste d'attesa bibliche). - prosegue Coluccia - Un susseguirsi di mancate risposte, non rispetto di accordi e fuga dalle responsabilità ed un continuo rimpallo tra si, no, forse. Tutto ciò, che perdura ed anzi si aggrava con il governo Draghi e di Giani, ha prodotto divisioni, rotture politiche e sfiducia difficilmente sanabili con l'attuale quadro politico".

"Il Pd, che ha tutt'ora grandi responsabilità di governo nazionale e regionale, - afferma Coluccia - si sta dimostrando una forza non affidabile per la poca trasparenza ed ambiguità che caratterizza le varie e contraddittorie posizioni assunte ai vari livelli e fra gli stessi dirigenti. Non è in grado di modificare un'agenda governativa e ministeriale che decide a prescindere dal territorio, ne di saper e voler organizzare sul territorio le forze di opposizione a questo trend negativo, su di una piattaforma che ponga tutte le questioni del territorio in modo unificante e di prospettiva".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dove sono rimasti i 'baluardi rossi' dopo le politiche 2022, con il centrodestra trainato da Fratelli d'Italia vittorioso in Italia e in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica