QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°27° 
Domani 19°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 19 settembre 2019

Attualità mercoledì 18 ottobre 2017 ore 19:05

"Siamo già pronti a tradurre i fondi in azioni"

Cristina Grieco e Enrico Rossi

Verso lo sblocco dei 30 milioni di euro, la Regione Toscana è già pronta su come ripartire i fondi per il sostegno al reddito e alla ricollocazione



FIRENZE — "E' stato premiato l'impegno della Toscana per assicurare il più velocemente possibile lo sblocco delle risorse a suo tempo assegnate dal Ministero e indispensabili per finanziare misure adeguate al rilancio dell'occupazione in Toscana e, in particolare, nelle aree di crisi". Ha esordito così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi commentando l'incontro avvenuto al Ministero del Lavoro con i lavoratori dell'indotto e i sindacati per le sblocco dei 30 milioni di euro per il sostegno al reddito (leggi l'articolo correlato).

"Siamo pronti, non appena arriveranno, a tradurre i fondi in azioni specifiche per rendere sempre più concreto il piano integrato varato dalla giunta contro povertà, esclusione sociale, disuguaglianze e favorire il reinserimento dei lavoratori e delle lavoratrici che in questi anni di crisi hanno perso il posto di lavoro", ha aggiunto Rossi che più di una volta aveva già sollecitato lo sblocco delle risorse anche con una lettera al ministro del lavoro Giuliano Poletti.

Soddisfazione è stata espressa anche dall'assessora all'istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco. "I nostri uffici sono già al lavoro - ha ricordato l'assessore - per rendere operative le misure del piano subito dopo la firma della convenzione con Inps". L'assessora ha illustrato anche come verranno ripartite le risorse disponibili che "sono riservate per il 70% agli interventi attivati per i lavoratori residenti nei Comuni toscani delle aree di crisi industriale complessa, non complessa e regionale, e per il 30% agli interventi attivati per i lavoratori residenti o domiciliati nelle altre aree regionali. Di questi 8 milioni sono riservati all'assegno per l'assistenza alla ricollocazione e 14,5 milioni all'indennità di partecipazione, mentre altri 7 milioni saranno destinati agli incentivi all'assunzione".



Tag

Lorenzin: «Entro nel Pd, unico modo per fermare Salvini»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica