QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°16° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 novembre 2019

Attualità giovedì 02 luglio 2015 ore 20:35

Giuliani apre alle opposizioni sui Quartieri

Dopo la sentenza del Tar che annulla le delibere di giunta sui Quartieri, il sindaco Giuliani cerca un dialogo con il Movimento 5 Stelle



PIOMBINO — Il sindaco Giuliani, dopo la sentenza del Tar che accoglie il ricorso annullando le delibere di nomina dei consiglieri dei Quartieri del novembre scorso, chiede alle forze politiche di riprendere un dialogo costruttivo per trovare una soluzione. una richiesta forse “fuori tempo massimo” che comunque è apprezzabile e potrebbe avviare un nuovo dialogo su molti altri temi ben più gravi (dalle partecipate, Asiu e ASA in primis fino alla crisi che abbraccia il territorio) tra maggioranza e opposizione, uscendo da quel “solco della continuità” che di sicuro non aiuta la città.

“I Quartieri – commenta Giuliani – sono l’istituzione più vicina ai cittadini, hanno un ruolo di naturale interlocutore tra cittadini e amministrazione comunale su tutti i temi che riguardano la salvaguardia ed il miglioramento della qualità della vita sul territorio.

In questo senso i consigli di Quartiere rappresentano ormai una realtà consolidata nel panorama politico della nostra città e un’articolazione sempre più significativa ed importante dell’amministrazione comunale. Auguro pertanto una ripresa del dialogo tra i gruppi consiliari perché sia trovata una soluzione equilibrata che consenta ai Quartieri di funzionare con una rappresentanza politica significativa”.

“Voglio ricordare – continua il sindaco – che il Comune di Piombino ha fatto un lungo percorso per conservare nel Comune queste entità partecipative organizzate e riconosciute dal punto di vista istituzionale, nonostante l’abolizione delle Circoscrizioni voluta dal governo con la Finanziaria del 2008. 

In quell’occasione il Comune di Piombino fece la scelta ben precisa di mantenere i Quartieri, elaborando nel 2009 delle Linee Guida per l’istituzione e la disciplina dei quartieri cittadini, in vista del nuovo regolamento. Nonostante il fatto che a partire dal 2010 le quattro Circoscrizioni di Piombino non avrebbero potuto essere più rinnovate, l’amministrazione comunale espresse la chiara volontà di garantire un livello intermedio di partecipazione con i cittadini avviando un lavoro che ha portato all’elaborazione del nuovo regolamento, con l’istituzione dei quattro Quartieri che riflettono i confini delle vecchie Circoscrizioni”.

“Mi auguro – conclude il Sindaco – pertanto che in questa vicenda, nella quale ci sono indubbiamente delle responsabilità riconosciute, si riesca a trovare una mediazione per consentire il funzionamento democratico di questi organismi a favore della collettività”.



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità