Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:57 METEO:PIOMBINO13°22°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
G7, tutti in Puglia: ma che ci fanno Erdogan e il Papa?

Lavoro sabato 26 novembre 2022 ore 07:24

Lavoro e occupazione, fine d’anno in frenata

Foto di repertorio

Continuano a crescere le difficoltà nel reperire i profili necessari e si riduce l’interesse verso i giovani under 30



LIVORNO — La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno ha scattato la fotografia delle imprese nella consueta indagine Excelsior che evidenzia le tendenze e i fabbisogni occupazionali previsti delle imprese dell’industria e dei servizi con sede in provincia di Livorno con riferimento al trimestre Novembre 2022-Gennaio 2023.

Le opportunità di lavoro offerte dalle imprese con sede in provincia di Livorno sono oltre 1.600 nel solo mese di Novembre e circa 5.300 nel trimestre Novembre 2022 –Gennaio 2023, valori tuttavia in diminuzione rispetto al periodo precedente.

Cresce l’offerta di contratti a tempo determinato che arrivano a costituire il 61% della domanda di lavoro (57% nel mese di ottobre). Aumenta anche la quota di assunzione a tempo indeterminato (18%) e con contratti di somministrazione (9%), mentre si riduce il ricorso alle altre tipologie contrattuali alle dipendenze e non (6% in totale); resta stabile l’offerta di contratti di apprendistato (5%) e di collaborazione (1%).

Diminuisce l’interesse delle imprese verso i giovani under 30 (28% del totale entrate previste), sempre più al di sotto della media regionale (32%) e nazionale (31%).

Le figure professionali più richieste: cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici; operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici; personale non qualificato nei servizi di pulizia e in altri servizi alle persone; commessi e altro personale qualificato in negozi ed esercizi all'ingrosso, personale di amministrazione, di segreteria e dei servizi generali e conduttori di mezzi di trasporto.

Rispetto al periodo precedente, tornano a crescere le difficoltà di reperimento dichiarate dalle imprese che riguardano oltre il 48% delle assunzioni programmate (media toscana 53% e italiana 46%). I più difficili da reperire sono gli operai specializzati e conduttori di impianti nell'industria alimentare; operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche; tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione; tecnici amministrativi, finanziari e della gestione della produzione; tecnici della sanità, dei servizi sociali e dell'istruzione; operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici. Mancano all’appello anche operai metalmeccanici, cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici e dell’assistenza sociale.

Elevata la percentuale di candidati con preparazione inadeguata con riferimento a operai specializzati e conduttori di impianti nell'industria alimentare e tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione. Nella maggior parte dei casi le imprese non chiedono un titolo di studio specifico (41%) ma quando lo fanno preferiscono il diploma quinquennale (34,9%) oppure la qualifica di formazione o diploma professionale (13,5%). I laureati costituiscono il 10,6% del fabbisogno occupazionale delle imprese.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il 32enne di Piombino ha perso la vita nell'incidente avvenuto sull'autostrada A12 tra Carrara e Sarzana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cultura