QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Lavoro martedì 30 maggio 2017 ore 16:50

Aferpi, verso la proroga ma Nardi non si sbilancia

Il commissario è intervenuto in audizione alla Commissione Attività produttive. Altri 2 anni di sorveglianza? Ancora 15 giorni per decidere



PIOMBINO — Il commissario straordinario di Aferpi Piero Nardi è intervenuto in audizione alla Commissione Attività Produttive della Camera.  Dalle prime informazioni raccolte è emerso che ci sarebbe l'accordo nel concordare la proroga dei limiti di monitoraggio previsti dalla legge Marzano e quindi dei relativi obblighi da parte dell'acquirente Cevital per lo stabilimento Aferpi. Ma la decisione finale, in ogni caso sarà presa tra circa 15 giorni.

Durante l'intervento, il commissario Nardi ha ripercorso la storia dell'acciaieria di Piombino a partire dalla cessione a Cevital nel 2015. "Non c'erano alternative possibili" al gruppo Cevital ha confessato in Commissione confrontando le due offerte di allora, quella di Cevital e di Jws.

Nonostante negli anni sia stata fatta leva sulla capacità finanziari di Issad Rebrab e la possibilità di compiere una sostanziale diversificazione, attraverso agroindustria e logistica, per la ripresa economica e occupazione, Nardi, come ha riferito l'Ansa, ha sottolineato comunque che Cevital è stata finora "molto inadempiente", ricordando però che in questo periodo "ha messo 100 milioni di capitale e 20 milioni di finanziamenti, quindi si è guadagnata il nostro rispetto".

Il rinvio della scadenza del 30 giugno 2017, prevista dagli accordi originari, consentirà anche la ricerca di un partner industriale, considerato indispensabile per la riuscita dell''operazione (leggi gli articoli collegati).



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità