QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°15° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 21 novembre 2019

Lavoro sabato 19 gennaio 2019 ore 19:23

"C'è bisogno di certezze e soluzioni immediate"

E' l'Uglm a chiedere un intervento da parte di tutti i soggetti coinvolti nella vicenda Aferpi. "Jindal deve dare seguito a quanto presentato"



PIOMBINO — "Siamo sempre stati cauti nel valutare le proposte presentate dall'attuale proprietà di Aferpi, consapevoli che solo il tempo avrebbe fornito un quadro preciso. Le condizioni disastrose in cui il precedente imprenditore algerino ha lasciato la fabbrica e il fatto che nessuna bonifica o smantellamento abbia mai avuto inizio non poteva far credere che tutto si sarebbe risolto nell'immediato". Parola della segreteria provinciale Uglm e il rappresentante sindacale Aferpi analizzando le questioni legate allo stabilimento siderurgico piombinese. 

"Dopo circa 7 mesi di gestione da parte di Jsw sembra comparire il timore di trovarsi di fronte all'ennesimo progetto sulla cui realizzazione gravano molte incognite. - hanno aggiunto in una nota - Innanzitutto niente si è visto circa l'impegno di investire i promessi 18 milioni di euro nel revamping dei treni di laminazione (impianti vetusti e fuori mercato). La continuità produttiva, data come certa per fine 2018, non c'è stata. I treni di laminazione marciano a singhiozzo, le navi di semi-prodotto ritardano o non arrivano. Gli smantellamenti, altro punto cardine degli accordi, sono iniziati con il contagocce. Per ora solo un capannone, che in gran parte aveva già demolito il libeccio".

A tutti questi fattori si aggiunge la preoccupazione sui possibili tagli al personale; preoccupazione raccolta anche da Fim, Fiom e Uilm.

"Comprensibile che un imprenditore si basi sui numeri e sul mero guadagno ma non possiamo accettare che queste problematiche, affrontate dalle Rsu anche nell'ultimo Consiglio di Fabbrica, siano da metabolizzare senza una reazione", hanno commentato ribadendo che l'imprenditore deve far conoscere nei dettagli il piano industriale, le opere di demolizione e le bonifiche previste. "Ma soprattutto occorre un deciso intervento da parte di tutti i soggetti, a partire dal Comune, la Regione e il Ministero, che hanno condiviso questo percorso. In caso contrario questi stessi soggetti e il sindacato dovranno cercare tutti gli strumenti, come è stato fatto con Rebrab, affinché il sacrificio di tutti e l'utilizzo degli ammortizzatori porti risultati tangibili per il territorio".

Un primo segnale, secondo Uglm, dovrebbe partire dalla pianificazione degli smantellamenti.

"Occorrono garanzie che tutto avvenga in totale sicurezza, limitare al massimo il rischio amianto (per lavoratori e cittadini) pianificare le bonifiche (sarebbe opportuno chiarire che fine hanno fatto i famosi 50 milioni per la falda), una normativa ad hoc, che da tempo riteniamo debba riguardare la nostra area di crisi complessa e Sin, ma anche della possibilità di utilizzo dei fondi europei che altre regioni stanno utilizzando sia per l'utilizzo di nuove tecnologie meno impattanti, riqualificazione territoriale e diversificazione. Jindal, dal canto suo, deve dare seguito a quanto presentato al Ministero, Regione, Comune e Organizzazioni sindacali. - e hanno concluso - Se ci sono problematiche devono emergere in maniera chiara e tutti quanti come attori protagonisti dovremo trovare soluzioni e se necessarie intraprendere misure anche drastiche. Il territorio ha bisogno di certezze e soluzioni immediate".



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità