Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:05 METEO:PIOMBINO17°19°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Attacco a Israele, ministro Esteri iraniano: "Operazione limitata e per autodifesa"

Sport mercoledì 03 aprile 2024 ore 08:00

Alessio Giannoni, un portiere che sa farsi valere

Alessio Giannoni

Classe 1997, si è trovato a fare il portiere di riserva per cause contingenti. L'intervista di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Alessio Giannoni (1997) è la lieta sorpresa di questa seconda parte di campionato, perché si è trovato a fare il portiere di riserva per cause contingenti, mentre aveva deciso di occuparsi della preparazione dei giovani portieri. Non solo, adesso deve sostituire Biagio Favilli tra i pali della porta nerazzurra, dopo un brutto infortunio riportato dal portiere titolare nella gara interna contro il Saline. Alessio sta svolgendo il suo compito con bravura e serietà, dimostrando di essere un valido portiere che ha ancora molte frecce al suo arco per dimostrare il valore in campo. Siamo andati a intervistarlo, dopo la sconfitta casalinga contro il Belvedere, che l’ha visto tra i protagonisti della partita con diverse parate decisive.

Ti sei trovato a difendere la porta del Piombino in maniera imprevista, sostituendo Favilli dopo un brutto infortunio. A mio parere lo stai facendo in maniera egregia…
Grazie per i complimenti. Sì, purtroppo Biagio (che saluto, e a cui auguro una pronta guarigione) contro il Saline ha rimediato un brutto infortunio. Io da metà Dicembre mi sono messo a disposizione della squadra e della società, per fare il secondo portiere e dare una mano nel caso ci fosse stato bisogno, questo sto cercando di fare, niente di più e niente di meno! Ho iniziato ad allenare i ragazzi dalla stagione 2018/19, accanto ad Alessio Arzilli (preparatore dei portieri della prima squadra), da cui ho imparato tanto. Mi piace stare insieme ai ragazzi che hanno voglia di imparare, provo a trasmettere quello che ho imparato in questi anni e cerco di aiutarli a crescere. Poi insieme ad Alessio Arzilli (un grande amico ma anche un preparatore molto competente) in questi anni abbiamo lavorato bene sui ragazzi, togliendoci diverse soddisfazioni, vedendoli crescere e migliorare sempre di più.

Perché avevi deciso di smettere con il calcio attivo?
Per quanto riguarda il calcio giocato, avevo deciso di lasciare dopo l’ultimo anno a Scarlino, dove dopo una stagione lunghissima (pausa Covid ecc.) culminata con la vittoria dei play-off e il passaggio di categoria, avevo perso gli stimoli necessari. Scendere in campo la domenica era diventato un peso; quando mi son reso conto che non mi divertivo più mi sono detto che non aveva senso continuare. Per questo mi sono preso una pausa.

Ma adesso ti diverti?
Questa domenica non fa testo, ho sofferto per tutta la partita per un infortunio alla spalla che mi sono procurato nell’allenamento di venerdì. Grazie al medico sociale e al fisioterapista siamo riusciti a diminuire il dolore, che però era comunque sempre presente, quindi da una parte, sinceramente, speravo che finisse presto! A San Miniato, invece, sono sceso in campo sereno e tranquillo, alla fine, nonostante il risultato sfavorevole, posso dire di essermi divertito e sono felice di esser tornato a giocare!

Questo Piombino si salverà?
Sono molto fiducioso. Siamo un’ottima squadra e un bellissimo gruppo, tutti quanti a partire da dirigenti, accompagnatori, mister e noi giocatori, ci stiamo impegnando al massimo ogni giorno in allenamento e la domenica in campo per riuscire a raggiungere prima possibile l’agognato obiettivo.

Come ti trovi con i colleghi della difesa? Mi pare che trapeli una buona intesa. Inoltre sembra il miglior reparto di un Piombino che gioca il 3-5-2.
Assolutamente. Mi trovo molto bene! Ovviamente in campo cerchiamo tutti insieme di darci una mano, io a loro e loro a me. Senza dimenticare che insieme agli ottimi Castellazzi e Martelli abbiamo anche Ale Fatticcioni, che è un lusso per la categoria e non ha sicuramente bisogno di presentazioni.

Perché da quattro domeniche non arrivano risultati positivi e da cinque non riusciamo a segnare? Soffriamo l’assenza di Paini?
Penso che Michele sia sicuramente un giocatore importante, ci avrebbe fatto comodo, però allo stesso tempo non credo assolutamente che chi stia giocando adesso sia da meno! A mio parere, in queste partite ci è mancata un po’ di cattiveria negli ultimi metri e anche un pizzico di fortuna in alcuni episodi. Non scordiamoci comunque che le ultime partite le abbiamo giocate (alla pari) contro la quarta, la prima e la terza in classifica, squadre forti e molto ben attrezzate. Sicuramente ci sbloccheremo. Adesso c’è la sosta, continueremo ad allenarci al massimo come abbiamo fatto finora, tutti insieme, per fare punti e raggiungere prima possibile la salvezza.

In bocca al lupo ad Alessio, che ci pare molto motivato, e a tutto il club nerazzurro. Noi saremo sugli spalti a sostenere il loro impegno atletico.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno