Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 24 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Il Papa sarà qui da noi a Bagdad il 5 marzo: una visita eccezionale. Porterà conforto e speranza in Iraq»

Attualità venerdì 27 novembre 2020 ore 13:16

Un piano per la difesa degli ospedali periferici

Ospedale Villamarina di Piombino

Il consigliere regionale Anselmi: “Indispensabile che i servizi ospedalieri, in integrazione con quelli territoriali, vengano difesi e rilanciati”



PIOMBINO — Un progetto per il sostegno agli ospedali periferici toscani che soffrono di carenza di personale medico specializzato e della difficoltà di attrarlo o trattenerlo. Lo aveva proposto il consigliere regionale Pd Gianni Anselmi durante la campagna elettorale alle Regionali 2020 e ora il via al lavoro per presentare una proposta concreta in Regione.

L’attenzione cade sugli ospedali della provincia di Livorno come Piombino, Cecina e Portoferraio, ma anche in altri territori dove, come ha spiegato il consigliere Anselmi, non si riesce più a reperire radiologi, chirurghi, ortopedici, ginecologi e non solo. Nell’ospedale Villamarina a Piombino tra le tante problematiche, per esempio, c’è quella del punto nascita.

“I medici scelgono ospedali universitari e provinciali, nei quali legittimamente confidano di avere una maggiore qualificazione e sicurezza professionale. Se è corretto che prestazioni di alta complessità vengano erogate nei centri ospedalieri più attrezzati e qualificati, è altresì necessario preservare la funzione e l’efficienza degli ospedali non centrali, che spesso peraltro come nel caso dell’Elba e delle Valli Etrusche, rispondono ad una domanda che nella stagione estiva si moltiplica di più che in altri territori. - ha spiegato Anselmi - Accanto ad una ridefinizione motivante della programmazione e dell’organizzazione dei servizi e delle responsabilità, è dunque necessario capire come si incentivano i medici a scegliere territori nei quali è indispensabile che i servizi ospedalieri, naturalmente in integrazione con quelli territoriali, vengano difesi e rilanciati. La mia opinione è che si debbano toccare più corde: organizzative, progettuali, economiche e professionali”.

Una prima riunione tecnica è stata già fatta, ha fatto sapere il consigliere regionale Pd, e ne è a conoscenza l’assessore alla Sanità regionale Simone Bezzini.

“I problemi, che non vanno negati quando ci sono, si risolvono non con i comizi e le declamazioni, ma lavorando con costanza e assumendosi responsabilità. A volte è bene farlo in silenzio, quando è necessario è giusto raccontarlo”, ha commentato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Lavoro