Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:PIOMBINO18°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Federico Rampini e la nuova Arabia Saudita: possiamo fidarci di bin Salman?

Politica mercoledì 17 aprile 2024 ore 12:43

"Bandi concessione a fine mandato, quale motivo"

Tengo a Piombino: "L'amministrazione si appresta a rilasciare nuove concessioni per 360 metri circa, togliendo la spiaggia libera in quella zona"



PIOMBINO — "Apprendiamo che saranno bandite quattro nuove concessioni balneari in località Torre mozza, tre a sud e una a nord, opportunità che vedranno la luce anche grazie ai ripascimenti dell’arenile pagati con i soldi pubblici. Singolare anche l’atto politico di emettere una determina di indirizzo a due mesi dalla scadenza del mandato elettorale".

Ad osservarlo è la lista Tengo a Piombino composta da Ascolta Piombino e Azione con Riccardo Gelichi e Cristiano Sabini.

"Del resto la determina dirigenziale n. 408 del 21 maggio 2020, che riporta espressamente che nel Comune di Piombino vi è la possibilità di rilascio di nuove concessioni per nuovi investitori, essendoci ancora molta spiaggia libera, a suo tempo assunse un indirizzo meramente tecnico e non politico, perché non passò dalla giunta comunale. - hanno proseguito - Quindi con il bando, questa amministrazione si appresta a rilasciare nuove concessioni per un fronte mare complessivo di 360 metri circa nella zona di Torre Mozza, togliendo praticamente la spiaggia libera in quella zona. Vogliamo ricordare che anche la spiaggia libera è una forte attrazione turistica e ridurla fino a rendere il litorale pressoché in mano ai privati, oltre che penalizzare i cittadini sempre più costretti a spiagge di fortuna, pena il pagamento di servizi, non tiene conto del fatto che molti turisti hanno scelto Piombino proprio per un attento equilibrio tra spiaggia libera e spiaggia in concessione".

"Sarebbe stato meglio togliere definitivamente quei 360 metri oppure redistribuirli su tutto il litorale con piccoli ampliamenti per i gestori attuali con la previsione di realizzare degli spazi ludico sportivi ad uso pubblico. Questa politica di riduzione della spiaggia pubblica non è utile ai cittadini, al turismo e tanto meno risolve il problema del rinnovo delle concessioni esistenti", hanno concluso Gelichi e Sabini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un’opportunità strategica per monitorare l’ecosistema marino nel corso della realizzazione dei grandi collegamenti sottomarini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità