Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO16°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità sabato 22 luglio 2017 ore 15:20

"Disoccupati illusi dalla politica"

Mirko Lami

Cgil chiede chiama i parlamentari toscani per modificare l'annunciata proroga della mobilità in deroga. E il sostegno al reddito che fine ha fatto?



PIOMBINO — "L’avevamo detto che la riforma Fornero e il Jobs act avrebbero prodotto disastri sociali, sia per quanto riguarda la previdenza e sia per quanto riguarda il sostegno al reddito e, infatti, il disastro sociale è quanto sta avvenendo sul nostro territorio". Così Fabrizio Zannotti, segretario generale Cgil provincia di Livorno, e Mirko Lami, segreteria Cgil Toscana, sono intervenuti a tutela dei disoccupati incastrati tra la burocrazia e i provvedimenti del Governo.

"Infatti, - hanno detto - tra progetti rinviati e piani industriali disattesi, non certo a causa dei disoccupati ma a causa di una politica incapace di far rispettare i tempi dei progetti annunciati, assistiamo a provvedimenti assurdi e inapplicabili e a ritardi burocratici pesantissimi in materia di sostegno al reddito, che stanno portando migliaia di lavoratori alla povertà". La questione vale per tanto i disoccupati di Livorno quanto quelli di Piombino.

"Pur in presenza di un progetto già deliberato dalla Regione Toscana a Marzo, in merito alla costituzione di un contributo di 500 euro per 6 mesi per quanti hanno perso qualsiasi sostegno al reddito, assistiamo alla solita burocrazia italiana che, a 4 mesi dalla definizione del provvedimento, non è ancora stata in grado di definire le modalità e le convenzioni applicative, in un momento nel quale moltissime persone sono prive di sostentamento". Questo è l'esempio eclatante esposto dai due rappresentanti Cgil al quale va ad aggiungersi "l’annunciata proroga della mobilità in deroga, che noi avevamo chiesto con forza, per l’anno 2017, in quanto i vincoli inseriti e le modalità applicative inserite dal Governo, di fatto lo rendono iniquo, divisivo, discriminatorio, in una parola inutile".

"Se l’obiettivo è l’effetto annuncio, - hanno sentenziato - bene diciamo al Governo che siamo stufi di una politica fatta di annunci, inconcludente e mediocre, che illude le persone disperate", piuttosto Zannotti e Lami chiedono un incontro ai parlamentari toscani per ottenere un provvedimento universale e strutturato per le aree di crisi complessa.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 33 le persone positive in isolamento nelle proprie abitazioni, mentre una donna di 98 anni è ricoverata in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità