Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:17 METEO:PIOMBINO25°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa

RIGASSIFICATORE martedì 31 gennaio 2023 ore 13:21

Comitato Salute a Bonaccini, "non la ringraziamo"

Il Comitato contrario al rigassificatore risponde al presidente Bonaccini: "La situazione di Piombino è differente da quella di Ravenna"



PIOMBINO — "A noi cittadini piombinesi del Comitato Salute Pubblica non viene da ringraziarla ma la invitiamo a riflettere su come mai in genere occorra tanto tempo per autorizzare impianti a rischio di incidenti rilevanti".

Così il Comitato Salute Pubblica ha risposto al presidente dell'Emilia Romagna e candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico Stefano Bonaccini è intervenuto dal palco di Energia Popolare, per il Pd e per l'Italia, la sua convention programmatica a Milano, parlando dei nuovi rigassificatori in Italia.

"In Italia ci dovranno ringraziare se avremo due nuovi rigassificatori in Emilia e Toscana: in quattro mesi abbiamo autorizzato i progetti che in questo Paese richiedono da 5 a 10 anni. A Ravenna, dove noi amministriamo, lo abbiamo approvato all'unanimità, da sinistra a destra, a Piombino, dove c'è il sindaco di Fratelli d'Italia, hanno impugnato gli atti del governo, siamo più patrioti noi di loro". Queste le sue dichiarazioni.

"Proviamo a immaginare alcune delle motivazioni per le quali fino ad ora si è impiegato un maggior lasso di tempo per concedere le autorizzazioni di siffatti impianti: - hanno commentato dal comitato - applicazione di procedure rigorose, frutto di anni di approfondimenti, su materie impattanti sull'ambiente e sulla sicurezza delle persone; attivazione della valutazione di impatto ambientale (VIA); esecuzione degli studi di fattibilità dei siti, in funzione di elementi vulnerabili e analisi sui rischi di incidenti sugli impianti stessi ,non su impianti simili; approvazione del rapporto provvisorio di sicurezza e di quello definitivo che per Piombino, ad oggi, non risulta ancora approvato ed esecuzione di prove e rigorosi controlli; autorizzazione dell’esercizio sull’impianto (in questo caso la nave) definitivo e collaudato e non, come per Piombino, su una nave che è ancora a Singapore per importanti modifiche e manutenzioni, senza che il rapporto definitivo di sicurezza sia stato ancora approvato. L'elenco potrebbe continuare".

"Non viene da ringraziarla perché non si è provato ad ascoltare il territorio e perché l’autorizzazione commissariale della Toscana è corredata da 129 prescrizioni, molte delle quali dei Vigili del Fuoco e del Comitato Tecnico Regionale. L'autorizzazione è corredata da richieste di ulteriori studi, analisi che non sappiamo se e quando verranno eseguite, in quanto si parla già di esercizio a primavera. - hanno proseguito - Voi commissari avete avuto un'attenuante non di poco conto, a dire il vero: la decretazione d’urgenza del governo precedente, trasformata in legge dal Parlamento, e la determinazione dell’attuale governo a continuare sulla linea tracciata dal precedente, in nome della sbandierata emergenza nazionale. Ma questa emergenza nazionale, a noi sembra in realtà, sorpassata dalla volontà di far divenire l’Italia un Hub di distribuzione del gas per tutta l' Europa". 

"Chi governa avrebbe dovuto meglio valutare l'idoneità dei siti e l'inopportunità di collocare un impianto a rischio di incidente rilevante, pieno di gas, alle porte di casa dei piombinesi, in un porto troppo piccolo e molto trafficato. Fra il rigassificatore di Ravenna e la costa intercorreranno 8,5 chilometri, situazione ben differente rispetto gli 800 metri dalle prime case a Piombino. - hanno sottolineato - Inoltre ci risulta che la nave destinata a Ravenna opererà dal terminal del Gruppo Pir per il quale sono previste importanti opere di protezione. Signor governatore dell’Emilia, la situazione di Piombino è oltremodo differente da quella di Ravenna. Non si possono fare affermazioni del genere senza conoscere il territorio in questione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari evidenzia il piano delle istituzioni messo in campo e ringrazia i volontari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità