comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°22° 
Domani 19°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 02 giugno 2020
corriere tv
Dl Rilancio, Conte: «Eliminata la prima rata Imu per hotel e stabilimenti balneari»

Cronaca venerdì 20 marzo 2020 ore 13:55

Aumentano le denunce, anche quattro minorenni

Foto di repertorio

Proseguono i controlli della Municipale per verificare il rispetto dei decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di Coronavirus



PIOMBINO — Nell’ultima settimana, i controlli della Polizia Municipale hanno portato alla denuncia di 8 persone trovate fuori dalla propria abitazione senza un valido motivo e quindi in violazione delle prescrizioni previste dai decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di Coronavirus. Quattro di queste persone sono minorenni. 

“La denuncia che si subisce – ha spiegato il sindaco Francesco Ferrari – può portare a un processo penale: non si tratta di una semplice sanzione come quella per un divieto di sosta o un eccesso di velocità, bensì di un’ammenda ai sensi dell’articolo 650 del codice penale per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. Se non avete paura del contagio almeno abbiate paura delle ripercussioni giuridiche a cui andate incontro, compreso il rischio dell’iscrizione del reato nel vostro casellario giudiziale". 

"Purtroppo, sembra che ancora molti piombinesi stiano sottovalutando la gravità della situazione e continuino a non seguire rigidamente le norme, mettendo seriamente a rischio la propria incolumità e quella di tutte le persone con cui entrano in contatto. - ha aggiunto il primo cittadino - Non possiamo continuare a ignorare le regole e approfittare delle maglie, ancora troppo larghe, del DPCM trovando scuse per andare a fare una passeggiata con gli amici. Non possiamo continuare ad abusare della possibilità concessa dai decreti di continuare a fare sport o uscire con il cane ignorando sistematicamente i pericoli che la diffusione di questo virus può comportare.
L’esperienza drammatica del nord Italia dovrebbe essere un monito: se i contagi aumentassero il sistema sanitario rischierebbe il collasso".

"C’è un unico modo per impedirlo: stare a casa, evitare i contatti sociali. Mi rendo conto che è un sacrificio, in particolare per i bambini e per le persone anziane che magari vivono sole, ma è indispensabile per salvaguardare non solo la salute collettiva ma anche il nostro stile di vita. Se vogliamo tornare alla normalità - ha concluso - dobbiamo sacrificarci adesso, stringere i denti, essere forti e uniti e, soprattutto, seguire rigidamente le regole”.

A questi si aggiungono le 20 persone denunciate dai Carabinieri nell'ambito dei loro controlli in Val di Cornia (leggi qui l'articolo correlato).



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità