Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità mercoledì 14 luglio 2021 ore 16:57

Parco della Sterpaia, ampliato il fronte di difesa

Superate le 300 firme per la salvaguardia del parco, l’appello è stato inviato al Ministro della Cultura e al Presidente della Regione Toscana



PIOMBINO — Oltre 300 adesioni all’appello lanciato pochi giorni fa da 10 professori di chiara fama di varie Università e discipline per la salvaguardia del Parco della Sterpaia, contro l’edificazione nel parco prevista nel piano urbanistico adottato dai Comuni di Piombino e Campiglia Marittima. 

"Sono firme pesanti giunte da tutta Italia da studiosi, giornalisti, professionisti e da tanti cittadini, preoccupati per lo sfregio che subirebbe un luogo protetto che era riuscito a sconfiggere l’abusivismo e che con la nuova previsione riaprirebbe alla speculazione, danneggiando l’ambiente e l’economia dell’intero territorio", hanno commentato i promotori.

Contro la realizzazione di un villaggio turistico nel bosco della Sterpaia si sono pronunciati la Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio e quella di Salviamo il Paesaggio, mentre a livello locale si sono dette contrari forze politiche, comitati e associazioni. Tra le adesioni ci sono anche quelle di Edoardo Zanchini, oggi vicepresidente nazionale di Legambiente e già autore del libro Dall’abusivismo al Parco. Storia del Bosco della Sterpaia a Piombino (Milano, Franco Angeli, 2000), di Claudio Bocci, già direttore di Federculture, Costanza Pratesi del FAI, ricercatori CNR e docenti di varie Università, da Trento a Palermo, Pisa, Siena, Firenze e Camerino. Tra i sottoscrittori anche Maria Grazia Bellisario (già dirigente del Ministero dei Beni Culturali per la tutela del paesaggio e i siti Unesco che nel 2008 selezionò il sistema dei parchi della Val di Cornia come unica candidatura italiana per il premio europeo del paesaggio).

A firmare anche tanti cittadini di Piombino e della Val di Cornia, ma anche di Follonica, Massa Marittima e di tutte le provincie toscane e poi da tutta Italia dal Piemonte al Friuli, da Firenze, Roma, Milano, Torino, Reggio Emilia, Cuneo, Campobasso, La Spezia e perfino da Bruxelles.

L’appello era stato lanciato da Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte, già direttore della Scuola Normale di Pisa, Anna Marson, urbanista – Università IUAV Venezia, Vezio De Lucia, urbanista, Giuliano Volpe, archeologo – Università di Bari, Rossano Pazzagli, storico - Università del Molise, Franco Cambi, archeologo – Università di Siena, Piero Bevilacqua, storico – Università di Roma La Sapienza, Marco Marchetti, forestale – Università del Molise, Ilaria Agostini – Urbanista, Università di Bologna, Claudio Greppi – geografo, Università di Siena.

Superate le 300 firme, l’appello è stato inviato al Ministro della Cultura e al Presidente della Regione Toscana, affinché facciano prevalere gli interessi generali della tutela paesaggistica, e ai sindaci di Piombino e Campiglia, invitati a recedere dalla previsione di nuova edificazione nel Parco della Sterpaia. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca