comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 24 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sileri: «Piano vaccini in ritardo di 6-8 settimane»

Politica martedì 01 marzo 2016 ore 12:13

Ematologia, replica Assemblea Popolare

I consiglieri Aps si sono opposti allo stralcio dell'ordine del giorno perché, stando alle nuove dichiarazioni, il problema è la riforma regionale



PIOMBINO — "Tutto il gruppo Aps ha sostenuto l’ordine del giorno e si è opposto allo stralcio dello stesso, mettendo in evidenza come la battaglia della difesa della sanità contro la nuova legge regionale, sia di tutti i cittadini del comune e non solo del sindaco di Suvereto". 

Queste le ragioni esposte dai consiglieri di Assemblea Popolare Suvereto a margine della querelle nata nell'ambito del consiglio comunale di Suvereto e l'appoggio alla battaglia dell'Ail per il reparto di ematologia a Villamarina.

"Ribadiamo l’impegno di tutta Assemblea Popolare a fianco del nostro sindaco Giuliano Parodi, nell’opposizione alla nuova legge regionale, - proseguono - con l’obiettivo proprio salvaguardare i diritti di tutti i cittadini toscani e i servizi sanitari della Val di Cornia. Invitiamo per questo tutti i cittadini ad informarsi su quello che sta accadendo alla sanità toscana e a firmare la richiesta di referendum per l’abrogazione dell’articolo 34 bis LRT 40/2005".

Insomma per Assemblea Popolare, il Pd non deve essere solo al fianco dell'Ail, ma deve dare la soluzione dei problemi posti dall'associazione. "Rinnovo - conclude il capogruppo Marco Cecchi - la richiesta fatta al vicesegretario del Pd Francesco Lolini, di lottare da dentro il suo partito per i diritti, in questo caso dei malati. Noi prima di redigere l'ordine del giorno abbiamo parlato con associazioni, medici di ematologia e addetti ai lavori”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

L'EDITORIALE