QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 27°28° 
Domani 25°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 26 giugno 2019

Attualità sabato 08 luglio 2017 ore 10:31

Emergenza casa: tanti sfratti e pochi alloggi

Foto di repertorio

Nel 2016 sono stati 58 gli sfratti per morosità incolpevole, quest'anno i numeri non migliorano e sono 127 le domande di prima accoglienza



PIOMBINO — Un'interpellanza del consigliere Fabrizio Callaioli, capogruppo di Rifondazione Comunista, ha permesso di fare il punto sull'emergenza abitativa a Piombino. A rispondere sulle misure adottate in città è stata l'assessora alle Politiche sociali Margherita di Giorgi che ha aggiornato in merito alla posizione di Casalp e al numero di appartamenti vuoti presenti nel territorio.

Oggi sono tantissime le persone che si trovano in difficoltà nel pagare l'affitto, il mutuo o le utenze. “Nel corso del 2016 – ha spiegato Di Giorgi - abbiamo cercato di intervenire per andare incontro alle famiglie che maggiormente versano in stato di bisogno e di necessità. Siamo intervenuti pertanto, a seguito di incontri con i sindacati locali e abbiamo siglato un protocollo d'intesa per gli interventi di natura sociale e collettiva".

Una situazione che è sfociata in 58 sfratti per morosità incolpevole, l'incapacità di pagare l'affitto per motivi oggettivi. "Così, oltre all'impiego delle risorse degli organi sovraordinati per il sostegno nella locazione, abbiamo potenziato e differenziato la tipologia di sostegno alle famiglie, che abbiamo ricoperto con risorse comunali (152mila euro) e con risorse messe a disposizione dalla Fondazione Livorno (26mila euro). La strategia che abbiamo adottato - ha spiegato l'assessora - fa sì che venga prevista l'erogazione di contributi individuali di minore entità economica, ma di più lunga durata, in maniera da assicurare una maggiore garanzia di copertura in un tempo da ritenere congruo per la ripresa di un posto di lavoro e per l'ottenimento, mediante partecipazione a bando, di un alloggio popolare, il cosiddetto accompagnamento nella conduzione della locazione. Nel campo del sostegno alla locazione nel corso del 2016 per il sostegno all'emergenza abitativa, tra blocca sfratti, contributo all'affitto, housing sociale, abbiamo investito per un totale di circa 350mila euro l'anno".

Queste misure, purtroppo, non sono state sufficienti se si considera che nel 2017 sono stati intimati 32 procedimenti di sfratto. "Attualmente - ha poi aggiunto la Di Giorgi - sono in corso 127 domande di prima accoglienza per disagio abitativo e 10 nuclei familiari sono iscritti nella graduatoria d'emergenza mentre altri 196 sono in attesa nella graduatoria generale".

Per quanto riguarda la disponibilità degli appartamenti, attualmente ci sono 39 appartamenti liberi ma non disponibili alla riassegnazione perché necessitano di lavori di sistemazione da parte di Casalp. Per la precisione: 9 alloggi sono in gara per l'affidamento dei lavori; 2 sono in accertamento per rimozione di opere non autorizzate realizzate dagli ex affittuari; 2 sono in attesa di nulla osta della Soprintendenza; uno in corso di ristrutturazione, 24 in computazione da eseguirsi entro il 30 luglio, 1 in computazione da eseguirsi entro il 30 agosto. "L'obiettivo - ha concluso l'assessora - è quello di renderli disponibili il prima possibile".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Lavoro

Politica