QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13° 
Domani -1°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 21 febbraio 2019

Politica lunedì 11 febbraio 2019 ore 16:00

"Sì al fotovoltaico ma non consumando terreno"

Fabrizio Callaioli

Il consigliere Callaioli (Rifondazione Comunista) ha criticato aspramente l'ipotesi del parco fotovoltaico. Dito puntato contro l'Amministrazione



PIOMBINO — "Non bastava lo scempio di Rimateria, la follia di Wecologistic e di tutto il progetto della città dei rifiuti; non bastavano sei enormi pale eoliche che, a fronte dei sicuri sacrifici che rappresentano per il territorio, non pare proprio siano compensate da concreti vantaggi per la comunità; no, non era abbastanza, adesso ci regalano anche la distruzione di 80 ettari di terreno per installare pannelli solari".

Così il consigliere comunale Fabrizio Callaioli esponente di Rifondazione Comunista è intervenuto sui social in merito all'ipotesi del parco fotovoltaico in località Bocca di Cornia.

"Noi siamo da sempre per le energie alternative, chi non lo è; il problema è come si fanno le cose. Il solare è sicuramente la principale fra le energie alternative, ma non si deve produrre consumando territorio in maniera massiva. I pannelli solari si mettono sui tetti, su tutti i tetti, specialmente su quelli delle nuove costruzioni. - ha commentato - Fosse per noi, non ci sarebbero semplicemente degli incentivi, ma sarebbe obbligatorio costruire e/o ristrutturare edifici con l’impianto solare sui tetti, in tutta Italia. Non si fanno scempi consumando terreno: 80 ettari sono una superficie spropositata, non solo per l’enorme consumo di territorio, ma anche per la trasformazione dell’identità di un territorio, sradicato dalla naturale vocazione per essere destinato ad un uso incompatibile con qualsiasi altro impiego".

"Siamo alle solite, - ha attaccato Callaioli - di fronte ad un’amministrazione che in 5 anni non è stata capace di portare avanti un progetto organico per il territorio, ma si è sempre affidata all’improvvisazione, accogliendo le offerte che arrivavano da qualche imprenditore in maniera indiscriminata. O meglio, nel vuoto assoluto, un progetto effettivamente ha preso forma, quello di trasformare Piombino in un comprensorio nazionale dei rifiuti. Gli antichi dicevano che al peggio non c’è mai fine. C’è da aver paura".

Sul progetto in molti hanno già esternato le proprie perplessità, da Legambiente alla Confederazione Italiana Agricoltori, anche la Federazione dei Comitati per l'ambiente attivi in Val di Cornia hanno criticato questa ipotesi, non ultima la politica (leggi qui sotto gli articoli collegati).



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro