Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:22 METEO:PIOMBINO19°33°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Salman Rushdie, il momento dell'accoltellamento a New York

Attualità domenica 03 luglio 2022 ore 07:00

Il mio triste mondiale

Foto di Riccardo Marchionni

Su #tuttoPIOMBINO di QUIews Valdicornia “Il mio triste mondiale” di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni



PIOMBINO — Stavo decidendo l’argomento da affrontare nel prossimo blog domenicale, quando mi sono imbattuto in una paginetta scritta otto anni fa che mi ha fatto commuovere e mi ha spinto a trovare l’aggancio per riproporla. Diciamo che sono prossimi gli Europei femminili, mentre i Mondiali maschili ancora una volta non potremo viverli da protagonisti, proprio come accadde nel 2018. Il mio racconto è dedicato al Mondiale in Brasile, quello del 2014, il primo che ho visto senza mio padre. Il testo si ricollega a un racconto ancor più datato, intitolato I miei mondiali, che uno di questi giorni, magari, vi ripropongo, non appena la Nazionale italiana di calcio ci fa una sorpresa.

Quattro anni fa, durante la coppa del mondo sudafricana scrissi un racconto ironico e a tratti nostalgico intitolato I miei mondiali, per ricordare con il sorriso sulle labbra episodi di vita scanditi dall’importante appuntamento calcistico. Era un racconto divertito e spero divertente, come oggi non sono più capace di scrivere. Mi ero detto che bastava allungare di mezza pagina I miei mondiali per inserire la fugace avventura di Brasile 2014. Non lo posso fare. Ho provato, certo, ma sono venute fuori frasi di circostanza e troppi luoghi comuni. Non posso scrivere di aver fatto le due di notte per vedere la vittoria colorata d’illusione sull’Inghilterra e di aver sofferto davanti alle batoste rimediate contro Costarica e Uruguay sotto il caldo tropicale. Non posso scrivere Prandelli è una brava persona, Balotelli uno scansafatiche, i nostri calciatori pensano soltanto alle veline e via di questo passo.

Il mio triste mondiale non ha niente a che vedere con la sconfitta d’una brutta Italia, non leniscono il dolore le parate del portiere brasiliano, le finte di Nessi e i morsi di Suarez. Il mio triste mondiale mi fa venire in mente soltanto che è il primo senza mio padre, lui che amava così tanto il Brasile e la musica brasiliana, che stava sveglio di notte per veder giocare i Carioca al ritmo di samba, che in Messico 70 faceva quasi il tifo per loro da quanto erano bravi.

Il primo ricordo calcistico di mio padre - questa cosa l’ho già detta - avrò avuto cinque anni, mondiale d’Inghilterra vissuto come un sogno ma per l’Italia fu un incubo peggiore del Brasile, lui che bestemmia e se la prende con un dentista. L’ho capito soltanto dopo chi era il dentista. Maledetta Corea. Non ho passato un mondiale senza vederlo tifare, ché nel 1978 comprò persino il televisore a colori per vedere le partite in Argentina, lui che non era malato di calcio, ma i campionati mondiali non li avrebbe mai persi, come non poteva mancare all’appello quando giocava la sua Inter, dai tempi del mago Helenio Herrera.

Il mio triste mondiale è la tua mancanza che ormai scandisce la mia vita, il tuo sorriso buono che non può tornare, le parole che non ti ho detto, i sogni che tormentano le mie notti, il senso d’inutile abbandono di fronte alla scrittura. Il mio mondiale brasiliano è una tristezza di fondo che non può passare, unasaudade disperata, l’incapacità di pescare nei ricordi la nostalgia confusa tra una vecchia canzone di Jannacci e una macchietta di Bracardi. Le nuvole del Messico, colorate d’illusione, si fondono in un tramonto giallo oro che dipinge la notte brasiliana. Sono le nuvole del tempo perduto che tingono di grigio un orizzonte lontano, ricordano vecchi errori, catturano emozioni da non dimenticare.

Ecco perché quel racconto non lo posso cambiare. Non sarebbe più lo stesso. Avrebbe un sapore nuovo. Saprebbe di rimpianto.

Gordiano Lupi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’analisi al microscopio, effettuata dagli operatori del Settore Mare di Piombino, ha permesso di individuare la causa di questa anomala colorazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

RIGASSIFICATORE

Attualità