Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO12°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Lavoro mercoledì 27 marzo 2019 ore 15:16

Con la Tasi sgravio fiscale per le imprese

Foto di repertorio

La sostituzione della quota Imu con la Tasi è stata recentemente approvata in Consiglio comunale. Confindustria soddisfatta



PIOMBINO — Il Comune di Piombino sostituisce la quota Imu con la Tasi per i capannoni industriali. La misura recentemente approvata dal Consiglio comunale di Piombino, come confermato da Comune e Confindustria in una nota congiunta, si traduce in un concreto sgravio per le imprese localizzate sul territorio, in relazione alla tassazione sugli immobili utilizzati nell’attività di impresa.

Il Comune ha accolto la proposta avanzata da Confindustria Livorno Massa Carrara e a impatto zero sulle casse comunali: sostituire la quota Imu gestibile dal Comune con una analoga quota di Tasi, un tributo, quest’ultimo, integralmente deducibile ai fini Ires e Irap dovute dall’impresa, quindi riferito alla fiscalità nazionale.

“Considerata la pesante crisi che da anni grava sul sistema industriale di Piombino, - ha affermato Umberto Paoletti, direttore generale di Confindustria - mentre stentano ancora a prodursi gli effetti postivi degli Accordi di programma, abbiamo pensato a un intervento di politica industriale da attuare a livello locale che garantisse risultati concreti e tempi certi di attuazione, senza alcun impatto per le finanze comunali”. 

“Si tratta di un risultato importante, reso possibile dall’attuale Finanziaria e introdotta per venire incontro a una richiesta specifica di Confindustria. – ha affermato il vicesindaco del Comune di Piombino Ilvio Camberini – Una misura che sicuramente porterà vantaggi alle imprese che hanno sede nel Comune di Piombino”.

Per Confindustria quello accolto dal Comune rappresenta un esempio innovativo di collaborazione pubblico-privato per la reindustrializzazione del territorio; esempio che l'ente intende proporre anche in altri Comuni delle aree di crisi delle province di competenza.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno