QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 gennaio 2020

Attualità venerdì 02 marzo 2018 ore 11:05

In classe si gela, la protesta degli studenti

I ragazzi del liceo hanno scatenato una reazione a catena. Gli studenti sono usciti dalle classi dove fa troppo freddo per restare



PIOMBINO — Dal Carducci-Volta-Pacinotti la protesta degli studenti per il freddo percepito all’interno delle aule. I primi ad abbandonare le aule giovedì mattina sono stati i ragazzi di una classe del liceo Carducci, scatenando una reazione a catena.

Una protesta, improvvisata e non autorizzata a quanto si apprende, con tanto di cartelloni appesi ai cancelli per chiedere di accendere i riscaldamenti per più ore e che vengano rispettati i limiti di legge fra i 18 e i 22 gradi in classe.

Come hanno segnalato alcuni studenti le temperature a volte sono scese fino a 12-13 gradi a seconda della posizione delle aule e, in questo caso, dall’ondata di freddo eccezionale che ha interessato tutta l’Italia.

Anche oggi i ragazzi verificheranno la temperatura nelle aule e valuteranno se abbandonare nuovamente la scuola.

La Provincia di Livorno, alla quale fanno caso le scuole superiori, ha assicurato che i termosifoni in questi giorni sono stati accesi per più ore già da domenica comunque rispettando i limiti previsti dalla legge e non sono stati segnalati guasti.

Ma evidentemente gli studenti, fermi sui banchi per ore in aule grandi, con tante finestre ed enorme dispersione di calore, il freddo lo sentono e come.

Anche il Comune di Piombino avrebbe invitato la Provincia a prolungare l’orario del riscaldamento, basti pensare che negli asili, alle elementari e alle medie i riscaldamenti sono stati accesi no stop (leggi qui sotto gli articoli correlati).



Tag

Pantera nel Tavoliere delle Puglie, posizionate le gabbie per catturarla

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità