Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Lavoro lunedì 04 gennaio 2021 ore 08:00

Jsw, “servono mobilitazioni eccezionali”

Il Camping Cig chiede un’assemblea straordinaria dopo il rinvio che ha caratterizzato l’ultimo incontro per il futuro della fabbrica



PIOMBINO — “Nell'ultimo incontro tra Jsw, governo e sindacati è andato in scena un altro della serie infinita dei rinvii, condito come al solito da promesse e miraggi mirabolanti. Intanto, è passato un anno da quando Jindal avrebbe dovuto presentare il piano industriale, invece niente piano industriale, niente investimenti, indotto disastrato e uno stabilimento che ormai si smantella spontaneamente. Solo il caso ha impedito che la recente caduta della gru provocasse una strage”, così il coordinamento Art. 1 - Camping Cig ha commentato il risultato dell’incontro sulla vertenza Jsw (leggi qui sotto l’articolo collegato).

“Nell'incontro, oltre ai gravi problemi ambientali, è stato completamente omesso proprio il tema degli smantellamenti. Non si è parlato, con cifre e impegni precisi, del rifacimento dei laminatoi o meglio della costruzione ex novo, come dovrebbe essere, a partire dal Tpp che è necessario spostare in padule, lontano dall'abitato così come l'unico forno elettrico a tutt'oggi forse previsto, dei tre promessi nel tempo che fu. Non c'è stato nessun chiarimento sulla quota con cui dovrebbe entrare lo Stato in Jsw, né sulla governance dello stabilimento, né sul ruolo di Piombino all'interno di un piano nazionale della siderurgia. Invece, delle bonifiche ne hanno parlato, ma solo per prevedere l'ennesimo tavolo ministeriale. - hanno evidenziato - Non ne possiamo più di dire che Jindal deve essere estromesso dalla direzione della fabbrica. Lo Stato deve riprendersi lo stabilimento per tornare a colare acciaio nel quadro, appunto, di un piano nazionale della siderurgia, su cui impegnare una mobilitazione sindacale nazionale perché Piombino sia trattato come Taranto”.

Adesso il coordinamento chiede l’impegno del Governo e un piano di rinascita per Piombino che prenda in considerazione anche il pensiero di cittadini e lavoratori.

“Tutto questo lo potremo conquistare solo con mobilitazioni eccezionali. Chiediamo con forza ai sindacati di indire, appena saremo in zona gialla, un'assemblea dei lavoratori in cui organizzare presidi permanenti, per tutto il mese di Gennaio, davanti alla fabbrica, in città e altre iniziative eclatanti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'inizio della pandemia sono stati registrati 140 casi di positività al Covid-19, 121 le persone guarite e 2 quelle decedute
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Politica