Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PIOMBINO18°22°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 20 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, Giornata Mondiale delle Api: da piazza del Popolo a Villa Pamphilj arrivano gli «spacciatori» di semi di fiori

Politica lunedì 21 marzo 2016 ore 15:44

La ricerca storica non si può fermare

Foto di repertorio

"Su Baratti una guerra fra bande". I 5 Stelle intervengono sulla proposta shock di Costa Toscana Cambiaverso e invitano a trovare una soluzione.



PIOMBINO — In questi giorni l'Associazione Costa Toscana Cambiaverso è intervenuta sulla delicata situazione in cui versa l'arenile del Golfo di Baratti, sollecitando la chiusura dei cantieri archeologici autorizzati in riva al mare considerando la fragilità della zona costiera. 

Ora il Movimento 5 Stelle di Piombino raccoglie il testimone e tira una linea sotto alcune dichiarazioni fatte dagli assessori. Sì, perché oltre alle dichiarazioni dell'assessore Paola Pellegrini e del direttore della Parchi Val di Cornia a difesa del lavoro degli archeologi, ci sono alcune dichiarazioni dell'assessore all'Ambiente Chiarei che andrebbero prese in considerazione. 

"L'assessore Chiarei, - spiega il Movimento 5 Stelle - rispondendo ad una nostra interrogazione, ha infatti sostenuto che i vari scavi archeologici effettuati, ed in corso d'opera, sul litorale di Baratti rappresentano una criticità per gli equilibri dell'arenile. Su questa stridente contraddizione, - proseguono i pentastellati - chiederemo alla Giunta di fare chiarezza, ma intanto il comunicato dell'Associazione Costa Toscana Cambiaverso ci preoccupa anche quando sostiene che sarebbe auspicabile che fosse realizzato il progetto di sistemazione morfologica del litorale, magari attuando quei piani d'interventi già finanziati da più di un decennio".

Detto questo, il Movimento 5 Stelle è chiaro sull'argomento. Il golfo di Baratti rimane un patrimonio da valorizzare e la ricerca archeologica non si può fermare. Ma c'è dell'altro. 

"Intanto sarebbe opportuno che i cantieri, a fine di ogni campagna, fossero restituiti in condizioni ordinate e fruibili per la balneazione. Infine la storia di Baratti non si ferma con la cessazione dell'antica siderurgia etrusca e romana e ci chiediamo perché ci si ostini a trascurare tutti quei valori inespressi, che non siano riconducibili al mondo antico".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia “Siamo alle porte co’ sassi” di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Attualità