Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:04 METEO:PIOMBINO23°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 19 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Attualità domenica 08 ottobre 2017 ore 14:31

"Non si può più attendere, serve un'altra visione"

Un momento del dibattito

E' stato il Laboratorio delle idee a fare il punto sulla crisi della siderurgia, dello stallo Aferpi e dell'occasione per Piombino



PIOMBINO — Quattro ore di dibattito su come poter uscire dalla crisi siderurgica e pensare un futuro per Piombino. Questo il messaggio alla base dell'incontro promosso dal Laboratorio delle idee della Val di Cornia che si è tenuto nel pomeriggio di sabato nella saletta di via dell'Arsenale.

Tantissimi i temi affrontati, "dalle dinamiche mondiali del mercato dell’acciaio alla crisi dello stabilimento di Piombino che tra il 2008 e il 2012 ha bruciato circa 900 milioni di euro al ritmo di 18 milioni al mese, fino ai clamorosi fallimenti del Piano Aferpi dato per credibile e salvifico nel 2015 da tutte le Istituzioni quando in realtà era privo dei requisiti minimi per esserlo, come hanno dimostrato i fatti", viene rimarcato in una nota di riepilogo. 

"I fallimenti non sono però solo quelli di Aferpi. - ha sottolineato il Laboratorio - Lo Stato non è da meno. La crisi industriale richiedeva la soluzione di altri problemi: le bonifiche del Sin, il prolungamento della 398 fino al porto, il potenziamento della ferrovia di cui non si parla neppure più, l’ampliamento del porto ancora da completare e privo di collegamenti che lo rendano utilizzabile. Niente di tutto questo è accaduto". Il dibattito si è soffermato anche sugli aspetti sociali e le conseguenti ripercussioni. 

"Di fronte ad una crisi di questa portata non si può attendere e confidare ancora su un piano clamorosamente fallito. - hanno ribadito - Quel piano deve essere immediatamente abbandonato e lo Stato deve tornare in possesso degli oltre 600 ettari di terreno pubblico conferiti ad Aferpi per definire subito un nuovo piano di rilancio produttivo e di rigenerazione urbana". 

Per il Laboratorio delle idee è arrivato il momento di creare le condizioni per lo sviluppo di nuove economie considerato che la siderurgia non potrà più garantire i livelli occupazioni del passato. Per far questo secondo il gruppo la fabbrica deve essere circoscritta e le altre aree devono essere liberate permettendo di offrire un altro destino agli spazi più vicini alla città.

A ciò si aggiunge la proposta rivolta alle istituzioni, in primis il Comune e il Commissario straordinario. "Facciano subito un censimento ragionato del patrimonio finalizzato ad elaborare un progetto autonomo di rigenerazione di quelle aree. - hanno specificato - Le idee guida dovranno essere due: il recupero e il riuso, ove possibile, di edifici industriali dismessi per le esigenze della città e del porto e la creazione di un parco urbano di archeologia-industriale collegato al sistema territoriale dei parchi". In questo scenario "la dismissione può essere un progetto creativo capace d’intercettare finanziamenti europei e creare nuova occupazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un breve ma intenso temporale e vento forte hanno interessato la Val di Cornia provocando non pochi danni su tutto il territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca