QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 18°22° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 22 luglio 2019

Attualità sabato 06 luglio 2019 ore 15:30

I pagamenti non arrivano da mesi, l'appello di Cna

“Autorità di Sistema Portuale paralizzata ed inadempiente", dalla Cna l'appello a sbloccare i pagamenti relativi ai lavori post mareggiata



PIOMBINO — Vi ricordate le violente mareggiate di ottobre 2018? Oltre ai molti che hanno subito gravi danni, se le ricordano bene anche le aziende che in quell’occasione prestarono la loro opera per gli interventi di ripristino, ma a dimenticarsele deve essere invece chi all’Autorità di Sistema Portuale deve provvedere a saldarne le fatture ormai ampiamente scadute: è una situazione divenuta insostenibile”, così Maurizio Serini, presidente territoriale di Cna ha commentato i ritardi che alcune imprese locali hanno subito.

Abbiamo sollecitato più volte l’ente – ha aggiunto la coordinatrice di Cna Val di Cornia Alessia Fagioli – e tutte le volte, anche da persone diverse, ci sono state date ampie rassicurazioni che a breve ci sarebbe stato il saldo: parliamo di lavori fatti anche oltre 8 mesi fa, 240 giorni! In alcuni casi mancano addirittura i provvedimenti necessari affinchè Livorno disponga i pagamenti. Noi e le aziende ci sentiamo presi in giro. Già siamo in un’area a crisi industriale complessa, se poi anche l’Autorità di Sistema, i cui bilanci certo non segnano rosso, ritarda in questo modo il pagamento del poco lavoro che rimane sul territorio, significa accanirsi sulle imprese locali”.

“Abbiamo aspettato tanto, forse troppo, prima di rivolgerci alla stampa perché confidavamo nel rispetto delle promesse ricevute: così purtroppo non è stato. - ha continuato Serini - Non parliamo di cifre stratosferiche, ma di lavori tutti ampiamente sotto soglia, alcuni anche di poche migliaia di euro. E’ il segno tangibile di come gli uffici piombinesi dell’Authority siano praticamente paralizzati dall’unione fatta con Livorno, un’operazione che doveva portare invece razionalizzazione ed efficientamento. Non è ammissibile che ci si trinceri dietro il rimpallo delle competenze e le assenze per ferie del personale”. 

“Vogliamo sperare – ha concluso il direttore di Cna Dario Talini – che questa nostra critica fatta per il bene dell’economia del territorio serva non solo a sbloccare i pagamenti, ma a riflettere in modo serio e costruttivo proprio sulla necessità di dare agli uffici di Piombino il grado di autonomia necessario almeno per la gestione dell’ordinario. L’economia del mare è uno dei settori rimasti strategici e produttivi per la nostra area e necessita quindi di obiettivi certi e condivisi. Aspettiamo dunque una chiamata da chi di dovere per definire il passato e programmare il futuro”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica