Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PIOMBINO10°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Lavoro domenica 02 aprile 2023 ore 17:15

Nuova commessa rotaie, “Jsw non è affidabile”

Camping Cig preoccupato per il futuro delle acciaierie: “Il governo Meloni prosegue come i governi precedenti: Piombino non conta niente”



PIOMBINO — “La commessa rotaie Rfi per 922 milioni a Jsw Steel Italy potrebbe riguardare poco lo stabilimento di Piombino: niente vincola l’azienda a produrle qui. Con tanti saluti alle mirabolanti promesse che Carrai ripete per l’ennesima volta”.

Ne è convinto il coordinamento Articolo 1 Camping Cig.

Il governo Meloni prosegue come i governi precedenti: Piombino non conta niente. Se ne accorgono le organizzazioni sindacali, che, dopo un anno, tornano finalmente a convocare l’assemblea dei lavoratori. Sembrano accorgersene perfino le maggiori forze politiche, da sempre assai distratte, al pari delle istituzioni locali e regionali”.

“Se poi il treno rotaie piombinese miracolosamente lavorasse a pieno ritmo, quanti mai sarebbero comunque gli occupati, mentre il Tve è in agonia, e il Tmp non regge? - hanno proseguito - Quanti dunque gli esuberi, quando il Tpp è esso stesso obsoleto e va rifatto lontano dall’abitato, mentre di forni elettrici neppure si parla più? Vogliamo lavoro degno e non altra cassa integrazione, peraltro in scadenza fra pochi mesi. E’ urgente impiegare cassintegrati ed esuberi siderurgici nei lavori necessari per la diversificazione economica e il potenziamento delle infrastrutture locali”.

“Occorre in ogni caso dare un futuro produttivo ed ecologicamente compatibile alle acciaierie, altrimenti quelle immense aree saranno utilizzati come una megapattumiera industriale, per attività e produzioni che porterebbero poca e poverissima occupazione, mentre degraderebbero ulteriormente l'ambiente, cancellando numerosi altri e migliori posti di lavoro: su tutto ciò, serve subito una forte vertenza unificante per un piano di rinascita complessivo. - hanno aggiunto - Oggi più che mai, è evidente che Jsw non è affatto affidabile e se ne deve andare, per far posto al ruolo centrale e decisionale dello Stato, magari tramite Rfi, eventualmente insieme a un privato finalmente credibile, al quale porre i vincoli che non sono mai stati posti alle multinazionali di Rebrab e Jindal. Solo le lotte potranno garantire finalmente gli interessi dei lavoratori e della popolazione piombinesi: lotte incisive da decidere insieme nell’assemblea del 6 aprile”.

“Se nel passato le lotte avessero imposto il caso Piombino come questione nazionale, non sarebbero arrivate le megadiscariche, né il rigassificatore: impariamo la lezione”, hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Visto il peggioramento delle condizioni meteo previste per la giornata di martedì, i sindaci hanno firmato l’ordinanza per la chiusura delle scuole
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro