QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 9° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 22 novembre 2019

Attualità venerdì 23 febbraio 2018 ore 14:41

Ok al bilancio, ecco il piano opere pubbliche

Ilvio Camberini, assessore al Bilancio

Stabilità delle tariffe, sociale e opere pubbliche, ok del Consiglio per il bilancio di previsione anche se per l'opposizione c'erano delle priorità



PIOMBINO — Passa in Consiglio comunale il bilancio di previsione 2018. Complessivamente sono state votate 4 delibere sull'argomento che hanno portato all'approvazione dell'aliquota Irpef, delle aliquote Imu e Tasi, della Tari e del bilancio col relativo piano delle opere pubbliche (leggi qui sotto gli articoli correlati)

Le delibere sono state approvate con il voto favorevole di Pd, Spirito Libero, Sinistra per Piombino. Contrari Un’Altra Piombino, Movimento 5 Stelle, Rifondazione Comunista, astenuto Riccardo Gelichi per Ascolta Piombino.

“Si tratta di un bilancio in attivo e sostanzialmente stabile - ha spiegato l'assessore al Bilancio Ilvio Camberini nella sua presentazione - nonostante i forti condizionamenti imposti ai bilanci comunali negli anni dallo Stato, che prevede oltre 11 milioni di investimenti in opere pubbliche per l'anno in corso. L’addizionale Irpef rimane invariata, così come i tributi locali, con una lieve diminuzione dello 0,2 per cento della Tari per i residenti. In aumento le agevolazioni nei confronti delle categorie più svantaggiate. Confermato a questo proposito anche lo sgravio sulla Tari per chi abita vicino alla discarica".

Questi alcuni pilastri della manovra economica che permetterà di garantire i servizi a sostegno delle famiglie, della scuola e formazione ma che da quest’anno potrebbe significare anche in un rilancio significativo dal punto di vista degli investimenti. Investimenti che sono, come ha spiegato lo stesso assessore, scelte specifiche dell'Amministrazione. 

Scelte prese anche in fatto di opere pubbliche per le quali sono stati stanziati 11 milioni e mezzo di euro circa. In programma 400 mila euro per la bonifica di Città Futura, 2 milioni e 180mila euro per la riqualificazione delle aree urbane degradate (area via Roma e arretramento binari), mentre 7 milioni e 800 mila euro saranno destinati all'Apea, area produttiva ecologicamente attrezzata di Colmata. 

Ci sono poi ulteriori interventi per il miglioramento della città, con la sistemazione di via della Fortezza, della sede pedonale e stradale di via Pisacane, la razionalizzazione dello svincolo di via Forlanini e via dei Cavalleggeri, la ristrutturazione di piazza Verdi (440 mila euro) e di piazza Cappelletti (320 mila euro), la ristrutturazione del parco della Rimembranza per 600 mila euro. Per la frana di viale del Popolo sopra la spiaggetta di piazza Bovio è previsto un investimento di 200 mila euro. 

Sul fronte dell'edilizia scolastica, previsti inoltre il rifacimento degli infissi della scuola elementare Dante Alighieri per 900 mila euro e altri 700 mila euro per l'efficientamento energetico della scuola. 

Per gli impianti sportivi il rifacimento del tetto alla palestra del Perticale per altre 167 mila euro. Infine un milione e 500 mila euro circa saranno impiegati per interventi di conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico e paesaggistico del Parco di Baratti e Populonia.

Per quanto riguarda le opere pubbliche, alcune delle forze di opposizione, Movimento 5 Stelle, Rifondazione Comunista e Un'Altra Piombino, hanno contestato alcuni interventi non ritenuti prioritari: tra questi la riqualificazione di piazza Verdi. Meglio investire sul rifacimento di Ponte di Ferro per il rilancio dell'economia, secondo Daniele Pasquinelli (M5s), per il quale è prevista la progettazione nel 2018. Per Callacioli (Rifondazione comunista) sarebbe stato prioritario intervenire per la riqualificazione di viale del Popolo, prima che situazione degeneri come successo per la scalinata. Carla Bezzini (Un'altra Piombino) ha chiesto informazioni sui 400mila euro previsti per la bonifica di Città Futura che, come ha spiegato l'assessore Chiarei, rappresentano la spesa previsionale per le progettazioni che saranno messe a gara alla fine del 2018 inizio 2019.



Tag

Patty L'Abbate, senatrice 5 Stelle: «Scudo per Ilva? Domanda senza importanza»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità