comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°23° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 24 settembre 2020
Giani
863.615
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Sgarbi su Suarez: «È più grave che i ministri non conoscano i congiuntivi, come Di Maio»

Lavoro giovedì 26 luglio 2018 ore 06:00

Pochi operai in assemblea, parola d'ordine cautela

Foto pubblicata da Uilm Piombino Livorno su Facebook

I sindacati hanno fatto il punto rispetto ai programmi di Jindal per Piombino. Resta il nodo protezione sociale, richiesto incontro



PIOMBINO — Erano circa 150 i lavoratori che ieri mattina hanno preso parte all’assemblea indetta dai sindacati per gli aggiornamenti sul passaggio da Cevital a Jindal dello stabilimento siderurgico piombinese.

Un passaggio che da un lato dà una nuova speranza agli operai visto il piano industriale del gruppo indiano e la volontà di realizzare nel tempo anche due forni elettrici, dall’altro però restano degli interrogativi su ammortizzatori e tempistiche.

I numeri di Jindal per i suoi progetti a breve termine si fermano a 435 lavoratori entro Settembre per la ripartenza dei laminatoi; quota 600 quando partiranno le demolizioni; i 1500 si raggiungeranno quando entreranno in funzioni gli impianti di produzione dell’acciaio presumibilmente fra 18 mesi.

Il cortocircuito arriva sui tempi. La cassa integrazione scadrà con la fine del 2018 e bisognerà aprire una nuova trattativa con il Governo per avere nuove garanzie sugli ammortizzatori. Nell’Accordo di programma, poi, Jindal conferma la piena occupazione a fronte dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali. A proposito di protezione sociale è stata proposta l’ipotesi della cassa integrazione a rotazione.

La parola d’ordine in questa fase e nei prossimi mesi è cautela vista la precedenza esperienza con Rebrab e il gruppo algerino Cevital.

Attualmente lo stabilimento è fermo, ma la speranza è con la partecipazione di Jindal al bando di Ferrovie si possa ripartire a stretto giro.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità